Home | Interno | Riva Arco Torbole | Al Via la 7ª Halloween Cup Optimist al Circolo Vela Torbole

Al Via la 7ª Halloween Cup Optimist al Circolo Vela Torbole

Quasi quasi 600 bambini da 27 nazioni – La vigilia saranno presentate le «roboboe», usate per la prima volta sul Garda Trentino in tutto il campo di regata

image

Al Via la 7ª Halloween Cup Optimist al Circolo Vela Torbole.

Come ogni anno l’attività sportiva velica sul Garda Trentino si conclude con l’Halloween Cup, regata Optimist organizzata dal Circolo Vela Torbole su delega della FIV Federazione Italiana Vela da venerdì 1 a domenica 3 novembre, che in soli 7 anni ha raggiunto numeri impressionanti, considerata la stagione.
Quest’anno sono 564 i pre-iscritti provenienti da 27 nazioni per una manifestazione, che assegna il trofeo alla società con i migliori quattro atleti della categoria juniores.
Impegnativo dunque questo finale di stagione con così tanti bambini in una classe, quella Optimist, che può oggi festeggiare anche la vittoria del tre volte campione del mondo Marco Gradoni, del massimo riconoscimento velico al mondo, il Rolex World Sailor of the year.
Gradoni, infatti, più volte presente alle regate organizzate sul Garda Trentino e vincitore praticamente di tutti i maggiori eventi degli ultimi anni, si è aggiudicato il prestigioso premio, unico italiano dopo l’olimpionica Alessandra Sensini e il più giovane atleta di sempre, affiancando così altri mostri sacri della vela planetaria.
 

 
L’Halloween Cup per questa edizione si presenta con una novità: l’uso di boe robotiche in tutto il percorso di regata, che nel caso della classe Optimist, è quello che ne richiede il maggior numero (6).
Si realizza così, anche se ancora a livello di test, un progetto condiviso con tutti i circoli dell’Alto Garda, che ha un duplice obbiettivo: salvaguardare il lago evitando di lasciare in acqua mattoni e cime; offrire ai regatanti il massimo della tecnologia esistente per poter posizionare campi di gara rispondenti ai livelli di eccellenza degli ospiti, nonché alle richieste sempre più rigorose di classi veliche Internazionali e Ufficiali di regata.
Per questo motivo, in occasione dell’apertura dell’Halloween Cup, giovedì 31 ottobre alle ore 11:00 presso il Circolo Vela Torbole, saranno presenti insieme ai rappresentanti dei circoli dell’Alto Garda con cui si condivide il progetto (Fraglia vela Riva, Lega Navale di Riva, Circolo Vela Arco, Circolo Surf Torbole e naturalmente Circolo Vela Torbole), i tecnici della ditta svizzera Roboboj, che ne spiegheranno funzionamento e dettagli.
 

Larry Lemieux con il Vice Presidente Circolo Vela Torbole Mauro Versini.
 
«L’esperimento, con i conseguenti rischi che in questa fase la tecnologia può riservare, dovrà testare le difficili condizioni del lago che si manifestano, si sa, con vento anche forte e onda molto corta: elementi certamente di stress per la durata delle batterie, di cui queste roboboe sono dotate.»
Così commenta il Presidente del Circolo Vela Torbole Gianpaolo Montagni, a nome di tutti gli altri Presidenti di circolo.
«Ma è tempo di guardare avanti e fare qualcosa di concreto anche nelle attività sportive che ci riguardano da vicino, rispondendo con i fatti al grido d’allarme dei nostri giovani, per un pianeta migliore.»
 

 
E a proposito di buoni propositi da segnalare in questi giorni la presenza al Circolo Vela Torbole di Larry Lemieux, simbolo di grande sportività per tutti: il canadese, durante l’Olimpiade di Seoul, a Pusan, perse una medaglia nella classe Finn per aver soccorso un equipaggio 470, in difficoltà per le dure condizioni di mare e di vento.
A podio quasi conquistato Larry si trovò di fronte ad una scelta: quella di seguire la regola principale del mare e quindi alla rinuncia della medaglia per soccorrere i colleghi, oppure quella dell’egoismo assoluto.
Il gesto di dare soccorso ai due velisti fu premiato, a sorpresa dello stesso Lemieux, con la consegna nel bel mezzo della premiazione olimpica, della medaglia Pierre De Coubertin, consegnata dall’allora presidente del Comitato Olimpico Internazionale Juan Antonio Saramanch.
Una storia di grande sport, da cui i giovani partecipanti all’Hallloween Cup e non solo, potranno ricevere un grande insegnamento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni