Home | Interno | Riva Arco Torbole | Truffe agli esercizi commerciali di Riva del Garda

Truffe agli esercizi commerciali di Riva del Garda

Denunciati un maggiorenne e una minorenne per truffa in concorso e porto ingiustificato di strumenti riproducenti armi

Giovedì 9 gennaio la Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Riva del Garda ha identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria due persone un uomo di 22 anni di Riva del Garda e una minorenne di 17 anni di Rovereto, per truffa in concorso ed il solo uomo per porto ingiustificato di strumenti riproducenti armi.
La truffa architettata dai due giovani prende forma il 5 gennaio, allorquando la ragazza chiama il titolare di un residence di Riva del Garda e, utilizzando i codici di una carta di credito disattivata, prenota una stanza per 5 notti.
I giovani, conoscendo le abitudini del titolare del residence, che, alla chiusura della reception, lascia le chiavi per accedere alle camere in un luogo concordato, si presentano, in modo anonimo, in orario successivo alla chiusura della struttura, prelevano le chiavi ed usufruiscono dei servizi concordati.
 
Due giorni dopo, il titolare della struttura non riuscendo ad identificare di persona gli ospiti, cerca di contattarli sull’utenza telefonica fornita ma, la persona che risponde si dichiara totalmente estranea alla prenotazione.
Compresa la truffa di cui è stato oggetto il titolare del residence si reca presso il Commissariato di P. S., dove denuncia i fatti.
Gli investigatori, dopo aver visionato le immagini riprese dalle telecamere interne della struttura, riconoscono in uno degli autori un giovane rivano già noto alle forze dell’ordine.
 
A seguito delle indagini la Volante rintraccia l’uomo nel centro cittadino il che sottoposto a perquisizione consegna una pistola semiautomatica Walther, una pistola semiautomatica Glock, entrambe prive del tappo rosso e 62 cartucce a salve.
Per tale motivo, valutato che il giovane non giustifica il motivo del porto, viene denunciato anche per porto ingiustificato di strumenti riproducenti armi.
 
«Il reato di truffa – commenta il Vice Questore Salvatore Ascione, Dirigente del commissariato di P.S. di Riva del Garda, – la cui condotta si manifesta attraverso l’artificio o il raggiro, necessita della involontaria partecipazione della vittima.
«Assistiamo, però, talvolta a comportamenti che non solo possono favorire queste condotte illecite, ma rappresentano essi stessi violazioni di legge.
«Si ricorda, infatti, che l’art. 109 del TULPS obbliga gli esercenti di strutture ricettive ad inviare giornalmente all’Autorità di Pubblica Sicurezza l’arrivo delle persone alloggiate, pena una sanzione penale che prevede l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino ad euro 206.
«La natura di questo obbligo è da rintracciare nell’esigenza dello Stato di conoscere i cittadini che soggiorno in una determinata località, non solo per avere contezza di chi in quel momento vive in quel territorio, ma anche per svolgere quella funzione di controllo che è propria delle Forze dell’Ordine e che ha lo scopo di prevenire la commissione dei reati.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni