Home | Interno | Salute | Ospedale di Cles, attenzione concreta della Provincia

Ospedale di Cles, attenzione concreta della Provincia

Finanziati lavori per 12 milioni di euro. Dialisi, garantite le prestazioni per i turisti

image

>
Sull'Ospedale di Cles l'attenzione della Provincia autonoma è "costante e concreta". Lo chiarisce, dati alla mano, l'assessore alla salute Stefania Segnana.
I lavori finanziati e già in corso (con una buona parte di essi già terminati) sulla struttura di Cles valgono oltre 12 milioni di euro, e sono coperti sia da risorse della Provincia sia da fondi nazionali - PNRR e PRRO (il Piano di riorganizzazione della rete ospedaliera).
Tra queste anche l'ampliamento e la riorganizzazione dei percorsi del Pronto soccorso per 337.940 euro o la sala operatoria di ostetricia al 2° piano per 960.000 euro e i 3,5 milioni sono destinati alla realizzazione della Casa della Comunità nella ex caserma de Vigili del Fuoco.
La futura struttura servirà a dare una risposta di carattere territoriale ad alcune funzioni sanitarie non prettamente di carattere ospedaliero.
 
In aggiunta ai 12 milioni di euro, risultano esserci 700.000 euro di attrezzature finanziate e programmate a favore dell'ospedale di Cles anch'esse con finanziamenti sia provinciali sia attinenti le grandi attrezzature del Piano Nazionale di ripresa e resilienza.
Per quanto riguarda il servizio di dialisi è garantita la copertura per i turisti, e il dato delle disponibilità in tutte le strutture della provincia è pari a circa 750 sedute in programma.

«L'Ospedale di Cles è all'attenzione costante della Provincia, come tutte le strutture ospedaliere territoriali. Gli investimenti già in corso lo rendono in grado di fornire i servizi necessari e anche la dialisi estiva verrà garantita» – afferma l'assessore Segnana.
Gli interventi sul Pronto Soccorso sono in corso e ne prevedono un ampliamento e un rafforzamento, come illustrato nella serata di giovedì sera a Malè nell'incontro con le Comunità della val di Non e della val di Sole e i sindaci intervenuti dallo stesso assessore Segnana con il direttore generale di Apss Antonio Ferro, il dottor Pierpaolo Benetollo e dall'ingegner Debora Furlani.
Serata alla quale hanno partecipato anche la dottoressa Daniela Zanon e il dottor Armando Borghesi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande