Home | Interno | Salute | Pollini in aria: carpino nero e betulla in aumento

Pollini in aria: carpino nero e betulla in aumento

Dalle segnalazioni del Centro di monitoraggio aerobiologico della Fondazione Edmund Mach: in diminuzione le cupressacee

image

>
Il bollettino pollini emesso dalla Fondazione Edmund Mach evidenzia la comparsa in atmosfera del polline di carpino nero e della betulla, due piante che solitamente rilasciano grandi quantità di polline allergenico.
Sono ancora presenti pollini delle cupressacee in concentrazioni alte, ma in diminuzione.
Oltre a questi tre tipi di polline, ne sono presenti in atmosfera numerosi altri: pioppo, olmo, frassino maggiore, salice graminacee, nocciolo, carpino bianco e acero.
I dati sui pollini presenti nell’aria sono ottenuti attraverso il monitoraggio aerobiologico, che in provincia di Trento viene svolto da oltre 30 anni presso la Fondazione Edmund Mach.
In questo periodo, caratterizzato dall’emergenza Coronavirus, la FEM ha messo in campo ogni sforzo per riuscire a garantire la continuità anche di questo servizio di informazione.
 
Pur nella consapevolezza che in questo momento le problematiche sanitarie importanti sono ben altre, si ritiene importante continuare a fornire i dati sui pollini, poiché una corretta informazione è un requisito importante per poter adottare i comportamenti e le misure più appropriate.
La primavera è la stagione in cui la concentrazione dei pollini allergenici aerodispersi diventa più consistente e in cui si osserva la massima varietà di specie. In questo periodo i soggetti allergici mostrano la tipica sintomatologia consistente in oculorinite, raffreddore, fino ad arrivare, nei casi più gravi, a episodi di asma bronchiale.
Le patologie allergiche sono tra le principali patologie croniche che interessano la popolazione europea; si stima che l’asma allergico colpisca il 5-12% della popolazione europea (dati forniti dal Ministero della Salute, aggiornati al 2017).
 
Conoscere con precisione e tempestività quali e quanti pollini ci sono nell’aria può essere di supporto agli allergologi nella diagnosi dell’allergia e per contenere gli effetti con la corretta prescrizione di farmaci, e ai pazienti allergici per interpretare correttamente la propria sintomatologia e gestire al meglio la patologia.
Le informazioni sui pollini in Trentino sono disponibili: presso le farmacie; sul sito pollini.fmach.it; sull'app TreC_Lab Pollini (scaricabile gratuitamente da Google Play); via SMS di FEM-SIG (inviare QPOL al 335 1019034); tramite segreteria telefonica (0461 494800); per posta elettronica, iscrivendosi alla newsletter «bollettino pollini» (https://www.fmach.it/Comunicazione/Newsletter).
Dati a livello nazionale sono consultabili sul web (http://www.pollnet.it/), forniti dai centri che aderiscono a POLLnet, la rete per il monitoraggio aerobiologico del Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente.
FEM vi partecipa per conto dell’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni