Home | Interno | Santi | Sabato 25 novembre, Santa Caterina d’Alessandria martire

Sabato 25 novembre, Santa Caterina d’Alessandria martire

Una leggenda è all'origine del culto di questa santa del IV sec. che impressionò vastamente il sentimento e la immaginazione popolare

image

>
Una leggenda è all’origine del culto di questa santa del IV sec. Una leggenda priva di autorità storica ma che impressionò vastamente il sentimento e la immaginazione popolare.
Tale leggenda racconta che l’imperatore Massenzio, recatosi ad Alessandria, ordinò che tutti i sudditi immolassero agli dèi, ma Caterina, diciottenne, di stirpe regale, si recò al tempio per incoraggiare i sudditi alla resistenza.
Fu arrestata e portata alla presenza all’imperatore che, per confondere i suoi propositi di fedeltà al credo cristiano, la pose a confronto con filosofi e retori.
Ma ella, confortata dall’apparizione dell’arcangelo san Michele, persuase i sapienti ad aderire alla fede cristiana.

In modo analogo respinse i propositi dell’imperatore, attirato dalla sua bellezza, e convertì alla fede i soldati mandati a sorvegliarla in prigione.

A conclusione di strabilianti vicende, che riproducono stereotipi della letteratura agiografica antica, venne martirizzata, il 25 novembre del 305, con la decapitazione.
Il suo corpo fu trasportato dagli angeli sul monte Sinai.
Una sua «passio greca» priva di riferimento ad Alessandria, risale ai secoli VI-VII. In Occidente il suo culto risale all’VIII secolo, e venne molto incrementato dalle Crociate, fino a diventare molto popolare nel basso medio evo.
Chiese, altari, icone splendide vennero dedicati al suo nome – in greco Aikaterina, Catharina in latino – e fu anche scelta come patrona delle scuole filosofiche.

Pellegrini d’ogni epoca successiva venerano la sua tomba presso il Monastero del Monte Sinai.

L’iconografia, soprattutto rinascimentale, ritrae, oltre al martirio simboleggiato dai due strumenti di tortura, la ruota e la spada, anche due momenti caratteristici della vita della santa: l’infanzia e il matrimonio mistico.
La devozione a questa santa, la cui memoria segna la soglia della stagione invernale, è all’origine anche di una ricca produzione letteraria, di drammaturgia popolare.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande