Home | Interno | Solidarietà | La seconda vita delle cose: www.donotrentino.it

La seconda vita delle cose: www.donotrentino.it

È operativo il portale trentino per donare beni e tempo a chi ne ha bisogno

Con il 1° giugno 2021 è operativa la piattaforma provinciale DonoTrentino. A promuovere l’iniziativa una rete aperta di organizzazioni del volontariato e dell’assistenza: Trentinosolidale ODV (capofila), Caritas Diocesana di Trento, Cooperativa sociale CS4, Associazione Rotte Inverse APS e un gruppo di cittadini attivi.
Il Presidente Giorgio Casagranda ha dichiarato: «I nostri obiettivi sono la sostenibilità ambientale e sociale, la solidarietà di prossimità verso chi ha bisogno, la lotta allo spreco e l’orientamento al riuso. Vogliamo sostenere la generosità solidale delle persone, far conoscere le tante buone pratiche già in essere a livello locale e creare le sinergie necessarie per estendere e potenziare l’impatto positivo delle diverse iniziative in favore di chi ha bisogno. Fino ad oggi DonoTrentino è il frutto di una positiva sinergia fra soggetti che credono in questi principi ed è anche un contributo concreto alle linee guida per la strategia provinciale di sviluppo sostenibile (l’Agenda del Trentino verso il 2040). Da oggi, è un bene comune che affidiamo alla Comunità trentina.»
 
La Coordinatrice Lara Bustros ha sintetizzato le linee essenziali del progetto: «Con il 1° giugno chi sceglie di donare beni e tempo avrà a disposizione la piattaforma web www.donotrentino.it. È un sito di facile uso e totalmente aperto sul versante dell’offerta, che consentirà di offrire beni ma anche competenze. L'assegnazione di quanto offerto a chi ne ha bisogno verrà poi curata dagli enti promotori e dai partner che si potranno accreditare.  Chi opera da tempo a diretto contatto con persone e famiglie in difficoltà potrà curare al meglio la consegna mirata di quanto reso disponibile per il dono e ridurre così al minimo l'impegno e i costi di trasporto o smontaggio e rimontaggio.»
Tutti gli organizzatori hanno lanciato l’appello per il dono ai cittadini, agli enti e alle imprese. Hanno altresì rilanciato l’invito alle molte associazioni del volontariato, imprese sociali ed enti di assistenza che operano nelle città e nelle valli della provincia ad accreditarsi per essere protagonisti della rete al fianco dei promotori.
 
I beneficiari delle donazioni sono persone e famiglie in situazioni di bisogno, in condizioni di marginalità cronica o di difficoltà temporanea derivanti da eventi traumatici, come la perdita del lavoro o di un’attività in proprio, le conseguenze di una separazione, una grave malattia.
I cittadini possono donare beni di uso quotidiano, le imprese loro fondi di magazzino o altri beni in eccesso, i professionisti ore per servizi nei settori della salute o dell'abitare, le associazioni culturali possono offrire qualche accesso gratuito a loro corsi, spettacoli, laboratori.
Il progetto DonoTrentino ha preso avvio grazie al finanziamento erogato con il bando «Intrecci possibili 2020: il Volontariato che Riparte», promosso dall’Ufficio Svolta, spazio di progettazione sociale creato da Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale, Non Profit Network - CSV Trentino e da Fondazione Caritro.
Su questo punto, per felicitarsi dell’esito non solo positivo ma anche produttivo del progetto sono intervenute Donatella Turrina Presidente della Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale e Mirella Maturo Responsabile dell’Ufficio Svolta.
 
La piattaforma web www.donotrentino.it è stata realizzata in tempi veloci anche grazie alla collaborazione che i promotori trentini hanno attivato con l’Agenzia per lo Sviluppo Locale San Salvario - rappresentata da Sonia Tavarone - associazione di volontariato di Torino che ha già attivato una iniziativa analoga denominata «CeloCelo».
La proficua collaborazione tra gli enti promotori è stata sottolineata da Francesco Fiorazzo per CS4 e Maria Zasa per Rotte Inverse di Arco, entrambi con solide esperienze sul tema del riuso, nonché da Cristian Gatti in rappresentanza di Caritas.
Infine, Giorgio Casagranda a nome dei promotori ha espresso un sentito ringraziamento a studenti e insegnanti del gruppo ARTimpresa 2 dell'Istituto Pavoniano Artigianelli per le Arti grafiche di Trento che hanno dato vita a tre gruppi di lavoro, tra loro in competizione, per individuare il logo dell’iniziativa, con un risultato finale particolarmente apprezzato e di grande qualità.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni