Home | Interno | Solidarietà | Il Rotary Club Trentino al fianco dei più deboli

Il Rotary Club Trentino al fianco dei più deboli

Covid, nuove apparecchiature per la gestione del virus donate a 13 Rsa – Il grazie dell’assessorato alla salute

Tredici Apsp del territorio sono state dotate di un nuovo concentratore d’ossigeno o di un saturimetro allarmato, grazie ad una donazione del Distretto Rotary Trentino Nord.
L’iniziativa rientra nel progetto «Educazione alla salute, comunità contro il Covid», in collaborazione con l’agenzia statunitense UsAid e il Rotary International.
Alla cerimonia ufficiale con i rappresentanti delle strutture interessate e dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, è intervenuto l’assessore provinciale alla salute, che ha evidenziato quanto sia prezioso il dono che hanno ricevuto le aziende pubbliche di servizio alla persona.
Si tratta di un segno di vicinanza concreta ai soggetti più fragili – in particolare gli anziani – che più di altri sono stati toccati dalle terribili conseguenze della pandemia.
 
L’emergenza sanitaria ha avuto l’effetto di unire i cittadini, che singolarmente o attraverso le associazioni e i gruppi nati anche in forma spontanea si sono messi in gioco per supportare l’organizzazione dei servizi e rimanere accanto (anche mantenendo le distanze) alle persone più sofferenti.
La Provincia continuerà ad essere al fianco delle Rsa del Trentino, come sta avvenendo anche in queste settimane per la gestione delle situazioni più complesse a causa della carenza di personale.
Il dono del Rotary è stato particolarmente apprezzato dalle Rsa perché consentirà di affrontare i prossimi mesi con un prezioso supporto tecnologico che servirà a gestire eventuali criticità.
Le strumentazioni si renderanno utili anche nell’attività ordinaria all’interno delle case, dove la gestione del respiro degli ospiti sarà fondamentale anche in epoca post-Covid.
 
Il progetto, come ha evidenziato il presidente della commissione relazioni esterne del Rotary Club Trentino nord Corrado Tononi, è stato coordinato dalla dottoressa Carmela di Natale e dalla past president Barbara Fedrizzi.
L’assistente del governatore del Rotary, Paolo Dalpiaz, ha espresso la propria soddisfazione per l’iniziativa che ha impegnato i rotariani per diversi mesi.
L’attività di progettazione, supporto e servizio dei medici del Club è stato di grande importanza per il contatto con le Rsa trentine e per portare a compimento questa prima fase del progetto.
Le stesse apparecchiature saranno presto donate ad altre 21 Rsa.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni