Home | Interno | Solidarietà | Casa Sebastiano, Croce Rossa finanzia il giardino terapeutico

Casa Sebastiano, Croce Rossa finanzia il giardino terapeutico

Donati € 45mila, in primavera pronta la struttura progettata dal Politecnico di Milano

image

>
Casa Sebastiano, il centro di riabilitazione socio sanitaria per persone autistiche con sede a Coredo (Val di Non) e noto a livello internazionale per le ricerche e le soluzioni all’avanguardia nello studio e nel trattamento della specifica patologia, si arricchisce di un nuovo strumento utile a stimolare e dosare l’attività motoria: il giardino terapeutico.

Un progetto che diventerà realtà nella prossima primavera, auspicabilmente entro il 2 aprile, «Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo», grazie al finanziamento di Croce Rossa che in occasione di un breve incontro ha messo nelle mani del presidente della Fondazione Trentina per l’Autismo, Giovanni Coletti, un assegno da 45 mila euro. «Sono soldi provenienti dai cittadini trentini – ha tenuto a precisare Alessandro Brunialti, presidente del Comitato provinciale di Trento della Croce Rossa Italiana – affidati alla Cri perché possano essere proficuamente investiti in progetti di utilità sociale e che, in questo caso, si è pensato di donare a Casa Sebastiano per finanziare la realizzazione del giardino terapeutico, uno strumento innovativo e utile per lo sviluppo dell’attività motoria degli ospiti».
 

 
Si tratta di una sorta di «percorso vita» opportunamente sviluppato dagli studenti del secondo anno della Scuola del Design del Politecnico di Milano che, ponendo al centro del processo formativo i disturbi dello spettro autistico, hanno ideato strumenti innovativi capaci di favorire un miglioramento della qualità della vita delle persone con autismo e dei loro famigliari grazie alla stimolazione dell’apprendimento di abilità e competenze utili nella organizzazione e gestione delle attività quotidiane.

«Recenti studi suggeriscono che l’espressività clinica dell’autismo includa anche deficit nell’apprendimento motorio e nell’organizzazione del movimento – ha spiegato Giovanni Coletti – deficit che in questi ambiti compromettono non solo le azioni individuali ma anche le abilità motorie sociali: in questo contesto risulta efficace l’utilizzo di strumenti per mediare le attività motorie, come, appunto, un giardino terapeutico».
 
All’incontro a Casa Sebastiano, oltre al Presidente del Comitato provinciale Cri di Trento, Alessandro Brunialti, e la sua vice Marilena Martinelli, erano presenti anche il Vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Paccher che ha portato i saluti dell’assessore provinciale Stefania Segnana e numerosi amministratori dei Comuni della valle.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni