Home | Interno | Solidarietà | Un nuovo furgone per i pazienti del Franca Martini

Un nuovo furgone per i pazienti del Franca Martini

I Lions di Trento: «Un segnale di vicinanza dopo le difficoltà della pandemia»

image

>
Un furgone Volkswagen Caddy Maxi attrezzato per il trasporto di disabili: è il dono fatto dal Lions Club Trento Host all’Associazione Trentina Sclerosi Multipla Onlus Franca Martini di Trento.
«Dopo i momenti difficili segnati dalla pandemia – ha spiegato questa mattina durante la conferenza stampa tenutasi nel Centro di via Taramelli il Presidente Guido Pizzolotto - volevamo dare alla nostra comunità un segnale forte di presenza sul territorio a fianco di chi ha bisogno. Abbiamo valutato varie ipotesi di intervento e la collaborazione con ATSM Onlus Franca Martini ci è sembrato il modo migliore e più concreto per farlo».
 
L’Associazione è nata a Trento nel 1981, per iniziativa di un gruppo di volontari che hanno riunito e coinvolto un gruppo di persone affette da sclerosi multipla con le rispettive famiglie. Nel 2001, si è strutturata come Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale (Onlus) e si occupa di tutelare il benessere delle persone affette da esiti di patologie neurologiche, delle loro famiglie, di bambini con disturbi del neurosviluppo e delle rispettive famiglie. Oltre all’aspetto squisitamente sanitario, l’Associazione realizza percorsi e progetti di integrazione delle persone nei propri contesti di vita e nel territorio.
 
«Perché – ha ricordato il Presidente Vanni Ceola – non bisogna mai dimenticare la definizione che dà l’OMS di salute, ossia: stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia. Il Centro Franca Martini non si occupa solo dei gravi problemi di salute dei propri pazienti, ma cerca di offrire loro anche un’integrazione delle persone nei propri contesti di vita e nel territorio». «Il furgone che ci è stato consegnato oggi grazie all’impegno del Lions di Trento – ha aggiunto il Direttore Roberto Grasselli – ci permetterà di organizzare molte più attività, di poter assistere meglio le persone che si rivolgono ai nostri Centri anche fuori dalla struttura sanitaria. Anche loro meritano una vita piena.»
 
Il Lions Club International è l’organizzazione di club di assistenza più grande al mondo, con 1,4 milioni di soci in oltre 47.000 club. Fondati nel 1917, i Lions sono conosciuti principalmente per la lotta alla cecità, ma si dedicano anche alla protezione dell’ambiente, alla lotta alla fame e all’assistenza ad anziani e disabili. Nell’anno sociale 2020/21 i Lions italiani hanno donato 9 milioni di euro alle rispettive comunità, 24.000 attività di servizio e 580.000 ore di volontariato. Il Lions Club Trento Host fondato nel 1956 e composto oggi da circa 60 soci, ha nella sua storia svolto molti service a favore della comunità trentina, nazionale e internazionale.
 
Nell’anno 2021-22 ha donato un respiratore polmonare all’Ospedale di Arco, ha aiutato una raccolta fondi a favore delle famiglie con bambini colpiti da atrofia muscolare spinale (SMA), ha supportato una struttura dedicata ai bambini con problemi familiari a Banja Luka in Bosnia, ha effettuato due interventi a favore di profughi ucraini in provincia di Trento e di Verona, ha partecipato, unitamente agli altri club della provincia di Trento, a due raccolte alimentari.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande