Home | Interno | Spazio | Paolo Nespoli coi piedi per terra – Di Redazione ASI

Paolo Nespoli coi piedi per terra – Di Redazione ASI

Si è conclusa con un atterraggio in Kazakistan la missione italiana Vita sulla Stazione spaziale internazionale

image

>
È rientrato sulla Terra l'astronauta dell'Esa Paolo Nespoli dopo un soggiorno di quasi 5 mesi sulla Iss nell'ambito della missione italiana Vita.
La Soyuz MS-05 è atterrata alle 9.37 ora italiana nella regione centrale del Kazakhstan con a bordo oltre a Nespoli anche il comandante russo della navicella Sergei Ryazansky ed il comandante della Stazione spaziale internazionale l’americano Randy Bresnik.
Termina così dopo quasi 139 giorni dal decollo avvenuto lo scorso 28 luglio, l’Expedition 52/53, la terza missione di Nespoli che stabilisce quindi il nuovo record di permanenza nello spazio per un astronauta italiano con 313 giorni trascorsi fuori dall’atmosfera terrestre.
 
«Bentornato Paolo! Grazie per aver portato a termine con successo la tua missione e per tutto quello che hai fatto per la scienza e per lo spazio in questi cinque mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale», questo è il messaggio per l’astronauta da parte del presidente dell’Asi Roberto Battiston.
«Sei un esempio dell’eccellenza che può esprimere l’Italia quando mette a sistema le sue qualità, i suoi uomini e donne migliori, le sue aziende altamente specializzate. L’Italia che fa ricerca scientifica e sperimenta nuove tecnologie è un investimento sul futuro per tutto il nostro Paese.
Io e tutti i colleghi dell’Agenzia Spaziale Italiana non vediamo l’ora di riabbracciarti. Voglio anche ringraziare i colleghi e amici di Esa, Nasa e Roscosmos con i quali da tanti anni raggiungiamo traguardi fondamentali».
 
La missione Vita è la terza di lunga durata dell’Asi dopo quelli degli astronauti dell’Esa Luca Parmitano del 2013 (Volare) e di Samantha Cristoforetti del 2014 (Futura),
Nespoli a bordo della stazione spaziale ha portato a termine tutti gli 11 esperimenti che gli sono stati assegnati oltre a seguirne altri 200 circa che erano in corso al momento del suo arrivo.
Nei 4 mesi e mezzo Paolo Nespoli, ha avuto oltre 60 collegamenti raggiungendo istituzioni e grande pubblico, in particolare studenti.
 
Il nome Vita, acronimo di Vitalità, Innovazione, Tecnologia e Abilità, nel suo significato italiano riflette gli esperimenti che Paolo Nespoli ha condotto in orbita e la nozione filosofica di vivere nello spazio, uno dei posti più inospitali per l’uomo.
L’emblema della missione ha avuto come simbolo l’opera Il Terzo Paradiso del Maestro Michelangelo Pistoletto.
Per seguire quotidianamente la missione è stata inoltre realizzata un’apposita app chiamata Spac3.
 
Nel corso della sua permanenza a bordo della Iss il nostro astronauta è stato regista delle tre attività extraveicolari che hanno compiuto a rotazione, nel mese di ottobre, i suoi tre colleghi americani Randy Bresnik, Joe Acaba e Mark Vande Hei.
Nespoli, 60 anni compiuti lo scorso 6 aprile, detiene anche il primato di astronauta europeo meno giovane ad essere stato lanciato nello spazio.
In una classifica mondiale si posiziona al terzo posto tra i viaggiatori spaziali professionisti dopo gli americani John Glenn e Story Musgrave.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni