Home | Interno | Trento | Riforestazione urbana, duemila nuove piante per Trento

Riforestazione urbana, duemila nuove piante per Trento

Il progetto Mosaico Verde contribuisce a ridurre le emissioni nocive in atmosfera – Nuovi alberi a Gocciadoro, Canova, in dieci parchi e in alcune aiuole stradali

Duemila nuove piante da mettere a dimora nel parco di Gocciadoro, nell'area verde di Canova e di altre zone della città oltre che in alcune aiuole stradali del comune.
È questo l'obiettivo che si pone l’Amministrazione comunale con l’adesione alla campagna Mosaico Verde, un progetto nazionale promosso da AzzeroCO2 e Legambiente, che ha l’intento di riqualificare il territorio italiano attraverso progetti di forestazione di nuovi alberi e la gestione sostenibile di boschi esistenti, offrendo ad aziende ed enti pubblici la possibilità di contribuire attivamente alla riduzione della quota di emissioni nocive in atmosfera.
L'intervento di riqualificazione è gratuito per l'Amministrazione comunale e prevede un investimento sostenuto interamente da aziende che intendono destinare parte dei loro utili ad azioni di responsabilità sociale e ambientale.
 
Le aree individuate hanno la capienza per ospitare circa duemila piante: aree interne al parco pubblico di Gocciadoro (circa 1.000 piantine ipotizzate), area verde a Canova (200 piantine), ulteriori 10 aree verdi pubbliche già esistenti (circa 40 piantine per area).
Altre 400 piante integreranno le barriere arbustive stradali per un totale ipotizzato di appunto duemila esemplari, cui potranno aggiungersi ulteriori unità nei pressi degli edifici scolastici, con l’obiettivo di contenere l’inquinamento acustico e ambientale e di sensibilizzare i giovani sulle tematiche legate alla conservazione e alla preservazione dell’ambiente naturale.
La manutenzione integrativa delle aree oggetto della campagna sarà garantita per i primi due anni da AzzeroCO2 al fine di favorire l’attecchimento delle piante.
 
Il Comune di Trento ha aderito alla campagna Mosaico Verde in linea con le azioni previste dal progetto europeo Alpine Space Alptrees, al quale sta lavorando l'ufficio Parchi e giardini, dedicato ai temi del cambiamento climatico con particolare riguardo alle specie non native ed al contrasto alla diffusione delle specie infestanti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni