Home | Interno | Trento | Nuovo punto vendita di ortaggi biologici e a chilometro zero

Nuovo punto vendita di ortaggi biologici e a chilometro zero

Al vivaio Tuttoverde a Ravina di Trento il temporary shop di verdura bio e sociale

image

 >
Da giovedì 10 settembre e per due mesi i trentini possono acquistare ortaggi di stagione frutto delle coltivazioni sociali delle cooperative CS4 e Gruppo 78 (con il marchio Mas del Gnac) arricchite da produzioni biologiche di produttori locali selezionati come Gustomontagna di Chiara March e le bibite di «Comunità frizzante».
Il temporary shop è aperto dal mercoledì al sabato dalle 10 alle 12 presso il vivaio Tuttoverde a Ravina, uno dei partner del progetto di agricoltura sociale che prevede la coltivazione dei 56 ettari di terreno agricolo della Fondazione Crosina Sartori Cloch affidati in gestione all’associazione temporanea di imprese composta da Società Frutticoltori Trento, Con.Solida e la Cantina Sociale di Trento.
L’area comprende fondi rustici e immobili siti a Trento, nei comuni catastali di Mattarello e Ravina.
L’azienda agricola – di fatto una delle più vaste del Trentino – è composta da due corpi: uno in località Nogarole con meleti, l'altro in località Maso Giuliani, Belvedere, Zanchetta e Maso Bianchi con viti.
 
In questi mesi è in atto la sistemazione dei terreni la cui coltivazione partirà nel 2021, garantendo che almeno il 50% dell’area frutticola e viticola sia a conduzione biologica e il 100% delle aree destinate all’asparago e agli orti sociali (circa 2 ettari) sia coltivata con tecniche di agricoltura biologica o biodinamica.
Per il resto della produzione, si punterà comunque alla coltivazione integrata.
A Con.Solida e Tuttoverde è affidato il progetto sociale di inserimento lavorativo e formazione, socializzazione al lavoro, tirocini formativi e inclusione sociale sui 2 ettari dedicati a orto e a prodotti di nicchia e sul progetto di agricampeggio, ma anche in collaborazione con gli altri coltivatori.
Potranno in futuro essere coinvolte le scuole e saranno attivati percorsi di coinvolgimento rivolti ai consumatori – clienti.
«Il progetto nasce anche dalla collaborazione con il progetto Nutrire Trento 2 (voluto dal Comune di Trento e dall’Università) che in periodo di lockdown ha avviato una sperimentazione di ordinazioni on line e di consegne a domicilio di prodotti locali.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni