Home | Interno | Trento | Verrà illuminato il monumento a Degasperi in piazza Venezia

Verrà illuminato il monumento a Degasperi in piazza Venezia

Ci sono voluti 65 anni e un Consiglio Comunale presieduto da Paolo Piccoli con Vice Marcello Carli e il sindaco Franco Ianeselli

image

>

Una targhetta posta al lato sinistro di chi guarda ricorda che il monumento a Degasperi è stato donato dalla Democrazia Cristiana alla cittadinanza trentina.
In altre parole, non fu donato né dallo Stato né dalla Regione Trentino Alto Adige (allora non c’era la Provincia) né dal Comune di Trento.
Oggi finalmente qualcuno si è ricordato del cittadino più illustre.

Il progetto ha come obiettivo la valorizzazione del monumento dedicato ad Alcide Degasperi, all’interno dei giardini pubblici di piazza Venezia a Trento, fornendolo di un sistema di illuminazione, previsto al tempo della sua realizzazione ma mai eseguito.
Il monumento, eretto nel 1956, è collocato all’interno di un’area del parco crocevia di percorsi, in un contesto scarsamente illuminato, risultando spesso oggetto di atti vandalici.
Tale circostanza produce una percezione di scarsa sicurezza del giardino stesso.
Il monumento risultando completamente al buio è quindi scarsamente valorizzato, passando inosservato ai cittadini che attraversano il parco.
 
L’intervento previsto si riferisce a tre principali tematiche: la pulitura del monumento per migliorarne lo stato di conservazione, l’illuminazione dello stesso e infine il miglioramento della sicurezza nella sua fruizione.
 
1) Lo stato attuale conduce alla necessità di procedere con un intervento di pulitura del monumento per permetterne una migliore fruizione e al contempo di garantirne la conservazione e il rallentamento dell’avanzare dei fenomeni di degrado.
Sono quindi previsti interventi di pulitura della pietra, delle parti bronzee e delle parti a mosaico.
 
2) Il progetto illuminotecnico ha come obiettivo quello di garantire la visibilità notturna del monumento, tenendo conto degli elementi considerati di maggiore interesse per la composizione, su cui si concentrerà un’illuminazione mirata, per enfatizzarne i caratteri monumentali e al contempo favorire una percezione di sicurezza nel contesto.
La composizione architettonica mette in rilievo le due grandi statue: Alcide Degasperi verso sud e la statua dedicata all'Italia verso nord.
Si è deciso di operare tramite un'illuminazione selettiva, realizzata a due intensità, utilizzando luci spot direzionate con maggiore o minore concentrazione sulle aree selezionate, evidenziando elementi specifici o dando generale risalto al complesso.
L'effetto ricercato consiste nella volontà di far emergere i rilievi e le statue bronzee e dare slancio verso l'alto alla grande stele centrale, lasciando la massa dell’esedra in ombra, lambita lievemente dall’illuminazione data agli altri elementi.
Data la forte carica simbolica del monumento il progetto prevede che l’illuminazione della stele avvenga tramite tre fari RGBW, che in condizioni ordinarie emettano luce di colore bianco ma che possano, in determinate occasioni, essere regolate al fine di creare cromatismi selettivi tramite gestione da remoto.
 
3) È inoltre previsto un sistema che miri a ridurre il potenziale rischio di caduta dalla sommità del basamento, che potrebbe verificarsi a causa dei dislivelli esistenti rispetto al piano del parco (circa + 1,80 metri).
L’obiettivo dell’intervento è quello di dissuadere dal percorrere la sommità del basamento, ma al contempo consentire la visione del monumento e degli elementi di dettaglio che lo compongono.
Pertanto il progetto propone la realizzazione di un sistema composto da dissuasori metallici, posizionati sui pianerottoli intermedi delle gradinate
 
L’inizio dei lavori è previsto in primavera per una durata di circa tre mesi per un importo totale del progetto pari a 84.908 euro.
Il progetto esecutivo è stato redatto da gruppo di progettazione costituito da tecnici del Comune di Trento, con coordinamento dell’arch. Anna Bruschetti, progettista per la parte architettonica arch. Federica Podetti, per gli impianti elettrici e di illuminazione ing. Alberto Ricci.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni