Home | Interno | Trento | Approvate dal Comune di Trento le nuove tariffe rifiuti

Approvate dal Comune di Trento le nuove tariffe rifiuti

Verranno premiati i più virtuosi grazie all’eliminazione del volume minimo obbligatorio e all’abbassamento della quota fissa in media del 7,4 % – Le nuove tabelle

Questa mattina la Giunta comunale ha approvato le nuove tariffe rifiuti per il 2021 la cui filosofia di base è premiare chi produce meno rifiuto residuo per continuare a migliorare la percentuale di raccolta differenziata che ci vede ai primi posti in Italia con l’83 per cento e favorire la riduzione dei rifiuti prodotti.
 
Si andrà a pagare meno TARI per due motivi:
1 - è stato eliminato il pagamento per il volume minimo obbligatorio e quindi la tariffa terrà conto di quanto rifiuto residuo sarà effettivamente prodotto dal nucleo familiare. Si tratta di un adeguamento normativo nazionale che Trento è tra i primi comuni ad applicare.
2 - la quota fissa - che è calcolata per le utenze domestiche in base ai componenti del nucleo familiare ed ai metri quadri della propria abitazione, mentre per le non-domestiche è legata al tipo di attività ed alla metratura – è stata abbassata mediamente del 7,4% per le utenze domestiche e del 12,9 per quelle non domestiche.
Se a questo aggiungiamo il milione di euro per ridurre la tariffa rifiuti delle attività economiche in difficoltà da poco stanziato, la riduzione per le utenze non domestiche rispetto al 2019 diventa del 31,8 per cento.
Alla quota fissa si aggiunge per le utenze domestiche la parte variabile della tariffa che sarà calcolata – vedi tabella «Utenze domestiche» - dalla somma di:
- una quota misurata in base al rifiuto residuo effettivamente prodotto
- una quota variabile denominata «altri servizi» calcolata in base ad altri costi variabili e applicata indipendentemente dai rifiuti prodotti
Per le utenze non domestiche invece la parte variabile della tariffa è calcolata esclusivamente in base al rifiuto residuo effettivamente prodotto.
 
In concreto per le utenze domestiche si pagherà meno perché si pagherà per l’effettiva produzione del rifiuto residuo, il cui costo tra l’altro non è tale da giustificare comportamenti scorretti come gli abbandoni.
Per fare un esempio concreto il costo di svuotamento di un mastello di 30 litri sarà pari a soli 2,049 euro.
Per le utenze non domestiche invece se l’attività dovesse essere ridotta o addirittura chiusa per le restrizioni sanitarie nel 2021 si andrà a non pagare, o a pagare meno, la quota variabile perché non produce, o produce meno, rifiuto residuo.
Altro esempio di possibile risparmio è quello di un bar nelle circoscrizioni collinari che magari ha maggiori superfici ma può lavorare meno di un bar in centro: nonostante questo fino al 2020 si trovava a dover pagare di più per via di una maggiore superficie e quindi di un maggior volume minimo obbligatorio; in futuro pagherà meno se virtuoso.
 
Stamane è stato approvato anche il raddoppio dello sconto per ogni bambino fino ai 30 mesi che passa da 20 a 40 euro annui, quota questa interamente sostenuta dal Comune.
A questo si aggiunge l’agevolazione pari al 50 % del costo documentato per l’acquisto di pannolini lavabili fino ad un massimo di 50 euro annui.
Nulla cambia invece per i cosiddetti «rifiuti sanitari» (tessili sanitari come pannoloni e traverse, sacche urina, sacche per la dialisi peritoneale ecc.) prodotti da nuclei familiari all'interno dei quali risiedono uno o più soggetti con malattia o handicap e rispetto a cui è prevista la distribuzione presso le farmacie di una dotazione gratuita di sacchetti del residuo dedicati, che devono essere posizionati esternamente ai contenitori del residuo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni