Home | Interno | Trento | Il 28 luglio l'ultimo dei 4 incontri dedicati a Dante Alighieri

Il 28 luglio l'ultimo dei 4 incontri dedicati a Dante Alighieri

Alle ore 18 alla Palazzina Liberty di Via Alfieri si parlerà di «Fantasmi di bronzo: monumenti civili in Tirolo prima della Grande Guerra»

Dopo l'inaugurazione, lo scorso 1° luglio, della mostra «Dalle parole al bronzo: i 125 anni del monumento a Dante», la Fondazione Museo storico del Trentino, in collaborazione con il Comune di Trento nell'ambito dell'iniziativa «Trento aperta», ha proposto un ciclo di incontri dedicati al Sommo Poeta, accompagnati dalla lettura di alcuni canti della Divina Commedia.
Mercoledì 28 luglio alle 18.00, nello spazio antistante al Liber Cafè all'interno del parco di Piazza Dante, si terrà l'incontro finale e si parlerà di «Fantasmi di bronzo: monumenti civili in Tirolo prima della Grande Guerra».
Si verrà inoltre condotti nel XVII Canto dell'Inferno.
 
Nell'ambito della mostra «Dalle parole al bronzo» la Fondazione Museo storico del Trentino lo scorso 7 luglio ha dato il via a un ciclo di incontri settimanali aperti alla cittadinanza in cui si approfondisce un aspetto della storia di piazza Dante, del monumento, del suo uso simbolico e del rapporto con altri monumenti eretti in Tirolo.
Mercoledì 28 luglio l'intervento di Elena Tonezzer (Fondazione Museo storico del Trentino), dal titolo «Fantasmi di bronzo: monumenti civili in Tirolo prima della Grande Guerra», concluderà il ciclo.
Nel corso del XIX secolo nuovi monumenti iniziano a decorare le piazze europee; lo storico Mario Isnenghi li chiama «fantasmi di bronzo», perché rappresentano molto di più di quello che raffigurano, sono la parte visibile e duratura di storie che iniziano ben prima della loro inaugurazione.
 
Nel 1889 a Bolzano si festeggia il monumento al poeta Walther von der Vogelweide,  nel 1893 a Innsbruck quello a Andreas Hofer e nel 1896 a Trento quello a Dante Alighieri.
Fantasmi che restituiscono i dibattiti politici e sociali che li hanno visti erigere e che offrono stimoli anche per riflettere sulla monumentalistica pubblica attuale.
Elena Galvani e Jacopo Laurino (Stradanova Slow Theatre) condurranno poi gli spettatori nel XXVII Canto dell'Inferno, dove sono puniti i consiglieri fraudolenti, tra cui il celebre Guido da Montefeltro.
In caso di pioggia gli eventi si terranno nello spazio del Liber Cafè (al piano terra della palazzina Liberty) nel rispetto delle normative anti Covid vigenti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni