Home | Interno | Trento | Finalmente ci saranno i bagni pubblici in piazza Fiera a Trento

Finalmente ci saranno i bagni pubblici in piazza Fiera a Trento

Il progetto posiziona il nuovo edificio al posto dell'attuale edicola, diventando anche opportunità per un ripensamento della piazza

La Giunta comunale ha approvato il progetto preliminare per la realizzazione in piazza Fiera di un edificio dedicato al servizio di bagni pubblici.
Un'esigenza attuale, con un valore di pubblica utilità, che rispecchia il senso civico di un paese e le necessità di una città a vocazione turistica, e contemporaneamente si inserisce in un contesto storico importante, proponendo una diversa concezione del bagno pubblico (spesso concepito come luogo sudicio e sconveniente) creando un volume curato ed elegante.
Il progetto, predisposto dallo Studio Raro Architetti associati per conto del servizio Gestione fabbricati, posiziona il nuovo edificio al posto dell'attuale edicola, diventando opportunità per un ripensamento della piazza.
L'attuale costruzione infatti, ampliata dalle pergole che la collegano al vano scala del garage interrato, crea una situazione di disordine, chiude l'ingresso alla piazza da via Mazzini e si interpone al naturale affaccio sulla piazza del Torrione.
 
Trovandosi in posizione centrale, sia per l'ingresso alla piazza dal centro storico, sia per la vicinanza al Torrione, il nuovo volume dovrà risultare prezioso e dialogare con l'intorno.
L'edificio, di forma curva, creerà un senso di continuità alla percorrenza, oltre ad essere un rimando al Torrione, di cui prende le dimensioni in pianta, duplicandolo, con altezza più contenuta, sulla piazza.
A livello formale l'edificio è composto da un parallelepipedo che contiene i bagni, circoscritto da un cilindro che crea una schermatura preziosa in pietra traforata. Tra il volume funzionale e la schermatura curva trovano posto dei patii piantumati che danno luce all'interno dei locali.
 
Il volume interno, con struttura in legno, sarà rivestito in vetro in parte opalino illuminato come fosse una grande lampada, mentre il cilindro è composto da piccoli blocchi in pietra rosa di Trento, come il Torrione, montati sfalsati creando piccoli spazi vuoti, per permettere di schermare ma allo stesso tempo intravedere il verde e la luce affiorare dalla «lampada» interna.
L'ingresso ai bagni avverrà dalla piazza, con due grandi ante che permettono la chiusura del volume circolare nelle ore notturne.
A livello funzionale contiene: zona di ingresso controllato con postazione custode, zona di attesa centrale da cui si accede all'area maschi e femmine, ciascuno dotato di wc disabili, bagno family e altri due wc, un locale per allattamento e fasciatoio, un locale deposito e due piccoli locali tecnici accessibili dall'esterno.
Ha una capienza massima di 20, è distribuito su un unico piano, con accesso diretto dall'esterno.
Il quadro economico prevede un importo complessivo di progetto pari a 600mila euro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni