Home | Interno | Trento | Circonvallazione ferroviaria di Trento, intesa sul cantiere

Circonvallazione ferroviaria di Trento, intesa sul cantiere

Il presidente Fugatti: «Un passo avanti su espropri e tempi delle procedure»

image

>
La Giunta provinciale, approvando la delibera proposta dal presidente della Provincia autonoma, Maurizio Fugatti ha dato il via libera allo schema di protocollo d'intesa denominato «Acceso sud alla galleria di base del Brennero. Quadruplicamento della linea Fortezza-Verona. Lotto 3A: Circonvallazione di Trento - Cantierizzazione» con l'Acquaviva società agricola Srl. Lo schema di accordo è stato predisposto da Provincia autonoma e Comune di Trento e si pone l'obiettivo di ottimizzare l'organizzazione del futuro cantiere al servizio della Circonvallazione di Trento, compensando l'impatto sui livelli di produttività agricola derivante dall'occupazione delle aree oggi coltivate: verrà infatti agevolato un importante progetto di valorizzazione del compendio agricolo.

Da parte sua la società Acquaviva agricola srl metterà a disposizione maggiori aree di sua proprietà non previste nell'attuale piano degli espropri e delle occupazioni temporanee, consentendo di rendere così più compatto il cantiere e di ridurre l'occupazione di terreni in zone diverse rispetto all'ubicazione del cantiere.
La società si impegna anche ad accettare l'eventuale inserimento di strutture fisse ferroviarie non diversamente ubicabili. Lo schema di protocollo è propedeutico alla firma di un accordo diretto tra Rfi e la società Acquaviva agricola srl.

«L'accordo intende intervenire in via preventiva sul tema degli espropri e delle occupazioni temporanee, creando le premesse per una ottimizzazione nell'uso degli spazi e nei relativi tempi procedurali - sottolinea il presidente Fugatti - in modo tale che il cantiere di un'infrastruttura così importante possa avere un iter il più adeguato possibile alla rilevanza dell'opera. Opera che consentirà di portare il Trentino a pieno titolo nel progetto del quadruplicamento della linea del Brennero con una serie di vantaggi per la mobilità e la sua sostenibilità».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande