Home | Interno | Trento | Approvata la ciclabile Piedicastello - Parco fratelli Michelin

Approvata la ciclabile Piedicastello - Parco fratelli Michelin

Collegandosi alla ciclabile della rotatoria del ponte di San Lorenzo si potrà arrivare in tutta sicurezza al parco del quartiere «Le Albere»

image

>
Si è concluso l’iter di approvazione della «Pista ciclabile Piedicastello - Parco Fratelli Michelin» in Lungadige San Nicolò.
L’Amministrazione Comunale, nell’ambito dei fondi stanziati con il PNRR e nell’ottica di sviluppare un trasporto locale più sostenibile investendo in mobilità leggera, ha previsto l’esecuzione del collegamento ciclabile in Lungadige San Nicolò tra la rotatoria di ponte San Lorenzo ed il parco pubblico del quartiere «Le Albere», collegamento coerente con il P.U.M.S. in fase di approvazione da parte del Consiglio comunale.
 
L’intervento prevede la realizzazione di una nuova ciclabile bidirezionale larga due metri e mezzo in prosecuzione di quella esistente che proviene dal ponte San Lorenzo, fino all’ingresso degli uffici della Motorizzazione civile di Trento, per poi, mediante un attraversamento ciclopedonale, spostarsi sull’arginale in destra Adige e trasformarsi in una ciclopedonale della larghezza massima di 3 metri fino a raggiungere la passerella pedonale sul fiume Adige e da lì il Parco F.lli Michelin.
 
Contestualmente si prevede l’allargamento del marciapiede esistente ed il completamento dello stesso per circa 50 metri fino a servire il parcheggio dell’area ex Italcementi, che corre parallelo alla nuova ciclabile, dove si raccorda con il percorso pedonale esistente.
Il nuovo attraversamento ciclopedonale comporterà la chiusura dell’uscita dalla viabilità complanare che mantiene come unica uscita quella più a sud in corrispondenza dell’uscita veicolare dalla Motorizzazione civile.
 
La tratta arginale, attualmente non illuminata, sarà dotata di 42 nuovi punti luce a led ad alta efficienza.
Complessivamente la nuova ciclabile avrà uno sviluppo di circa 1.300 metri lineari.
Per l'esecuzione di tali opere non è necessario prevedere espropriazioni di aree privare in quanto l’intero sedime di intervento ricade in area Provinciale o Comunale.
Per l’intervento sono stati stanziati 450mila euro.
L’inizio dei lavori è previsto nei primi mesi del 2023 e la durata degli stessi è pari a 190 giorni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande