Home | Interno | Trento | Trento, Monte Baldo: da lunedì parcheggio vietato

Trento, Monte Baldo: da lunedì parcheggio vietato

Lavori in corso per far diventare a pagamento l’area di sosta così da scoraggiare l’uso improprio di chi lascia l’auto a oltranza. Tariffa per i pendolari: € 1 al giorno

Da lunedì 21 e fino a venerdì 25 novembre, all’interno del parcheggio Monte Baldo saranno vietate la sosta e la fermata.
Per i trasgressori è prevista la rimozione forzata del veicolo.
Il divieto è legato all’esecuzione dei lavori di manutenzione necessari a trasformare il parcheggio in area di sosta a pagamento.
Il provvedimento è motivato dal fatto che il parcheggio Monte Baldo ha da tempo snaturato la propria funzione di area di sosta «di attestamento» come dimostra l’alto tasso di occupazione notturna (il 70 percento dei 250 posti disponibili, come risulta dalle rilevazioni di Trentino Mobilità).
Questo significa che per i pendolari è sempre più difficile trovare un posto in cui lasciare l’auto per poi raggiungere il centro città con l’autobus o con la bicicletta.
 
Per questo, una volta terminati i lavori di adeguamento, sarà introdotta in via sperimentale una tariffa che ha l’obiettivo di scoraggiare l’uso improprio del parcheggio: la tariffa diurna, unica per la fascia oraria 6-24, sarà di 1 euro, mentre quella notturna, tra le 24 e le 6, sarà di 50 centesimi all’ora.
In questo modo, chi lasciasse il veicolo permanentemente si troverebbe a pagare una tariffa giornaliera di 4 euro (1 euro per il giorno, 3 euro per la notte), che corrispondono a circa 90 euro mensili, cifra superiore a quella necessaria per un parcheggio in struttura cittadino o per un posto auto in locazione.
 
Per di mantenere l’attrattività del parcheggio per l’utenza pendolare, si è pensato ad un sistema di entrata e uscita con sola lettura targhe, così da rendere l’utilizzo del parcheggio semplice, veloce e affidabile.
È prevista la presenza di una cassa automatica per il pagamento in contanti ed elettronico delle soste occasionali e il rinnovo di eventuali abbonamenti o per ricaricare il credito a scalare.
I pagamenti di ricariche e abbonamenti saranno possibili anche da remoto, attraverso un servizio online accessibile anche da dispositivi mobili con l’utilizzo di app abilitate per la sosta su strada.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande