Home | Interno | Trento | Discussioni sul Bilancio di previsione del Comune Trento

Discussioni sul Bilancio di previsione del Comune Trento

I sindacati Cgil Cisl Uil chiedono al sindaco di alzare le tasse sugli alloggi sfitti

Cgil Cisl Uil a confronto con il sindaco Ianeselli sul bilancio di previsione 2023 del Comune di Trento: aumenti tariffari del 5,4%.
A Palazzo Geremia i segretari generali di Cgil Cisl Uil, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti, hanno incontrato il sindaco di Trento Franco Ianeselli che ha illustrato loro i contenuti della manovra.
I sindacati hanno posto l’accento sulla questione affitti e la revisione della normativa Imis prevista da un emendamento della Giunta alla prossima legge di stabilità.
Cgil Cisl Uil sono stati chiari: nessun taglio dell’Imis dovrà riguardare chi tiene gli alloggi sfitti, anzi questa deve essere aumentata significativamente per spingere i proprietari a mettere a disposizione degli inquilini immobili oggi vuoti e inutilizzati.
 
«L’obiettivo deve essere quello di incentivare l’immissione sul mercato di un numero maggiore di appartamenti e calmierare in qualche modo i costi degli affitti soprattutto attraverso il canone concordato.
«Per questi il Comune ha già previsto delle aliquote ridotte. In questo modo si va incontro ai bisogni delle famiglie e non si avvantaggia con un taglio delle tasse chi è già in una condizione di privilegio.»
Altro aspetto che lascia perplessi i sindacati è la previsione di scontare l’Imis per gli alloggi turistici.
«Un controsenso», visto che questa tipologia di alloggi contribuisce a tenere alti i costi. Dunque la richiesta al Comune di Trento di farsi parte attiva anche nel sollecitare la Provincia per una modifica di questa previsione.
 
Cgil Cisl Uil hanno dunque preso atto della scelta del Comune di aumentare alcune tariffe, nidi e impianti sportivi, per una percentuale del 5,4%, pari cioè all’inflazione programmata, ma al di sotto dell’inflazione reale che in Trentino sfiora il 12%.
Sui nidi il Comune conferma, comunque, il taglio delle tariffe dei nidi con una riduzione che per le famiglie arriva al 27% rispetto al recente passato.
Altro tema su cui i sindacati hanno posto l’accento sono i servizi di conciliazione.
Cgil Cisl Uil hanno riconosciuto lo sforzo dell’amministrazione sul fronte delle tariffe, la priorità deve restare, però, quella di aumentare il numero di posti disponibili e di rafforzare in generale i servizi di conciliazione per le famiglie.
Servizi che devono essere accessibili in termini di costo e flessibili per andare incontro ai tempi di lavoro dei genitori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande