Home | Interno | Trento | Nevicata in città, Trento non era impreparata

Nevicata in città, Trento non era impreparata

Notte di lavoro con 89 mezzi tra lame e spargisale in tutta la città

Già da ieri a metà pomeriggio il personale del Comune che gestisce le strade si è mosso per affrontare la nevicata appena iniziata.
Dalle 18.30 sono stati anche fatti uscire i mezzi dotati di lame e gli spargisale, ognuno secondo il percorso stabilito dal Piano neve che scatta ad ogni nevicata.
 
Verso le 21 sono iniziati i lavori di sgombero della neve sia in città che nei sobborghi mentre dall'una alle 3 gli operatori hanno sgomberato la neve dai marciapiedi.
Alle 4 è iniziata la salatura e spalatura manuale di scale e marciapiedi per un totale di 35 uomini sul campo.
 
Sei mezzi sono stati dedicati al solo Monte Bondone dove chiaramente la nevicata è stata più abbondante.
Sommando tutti i mezzi che hanno operato durante la notte si arriva a 89 tra “lame” e spargisale, mentre le mini-pale per i marciapiedi e per le ciclabili sono state 43.

Non sono stati segnalati disagi particolari anche perché la nevicata non è stata particolarmente abbondante: una quindicina di centimetri in media a fondo valle, qualche centimetro in più nei sobborghi collinari.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande