Home | Interno | Trento | Mercoledì 7 febbraio s’inaugura a Trento la statua Chico Forti

Mercoledì 7 febbraio s’inaugura a Trento la statua Chico Forti

Costruita in occasione del 64esimo compleanno del trentino incarcerato in Florida, sorgerà a Palazzo Benvenuti in Via Belenzani 12

In occasione del 64° compleanno di Chico Forti, mercoledì 8 febbraio, è stata realizzata una scultura a lui dedicata e inviata a Trento, sua città natale.
La statua sarà esposta in Via Belenzani presso il Palazzo Benvenuti, sede della Cassa Rurale di Trento, dove mercoledì avrà luogo la cerimonia di inaugurazione della scultura intitolata «Chico Forti sono io».

L'opera è firmata dall'artista Nello Petrucci. Quest'ultimo, insieme all'imprenditore Gualtiero Vanelli (fondatore di Civiltà del Marmo) e alla famiglia del tenore Andrea Bocelli, hanno unito le forze per sostenere e dare voce - anche attraverso l'arte - alla causa di rimpatrio di Forti, recluso da ventitré anni in un carcere a Miami.

Durante la cerimonia di inaugurazione dell’opera sono previsti collegamenti audio e video con Chico e con il tenore Andrea Bocelli.
L’evento è in collaborazione con l’associazione Amici di Chico, la Cassa Rurale di Trento, il Comune di Trento e il Consiglio regionale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande