Home | Interno | Trento | Il grande impianto per il collegamento del Monte Bondone

Il grande impianto per il collegamento del Monte Bondone

Tre incontri al Muse per ragionare sui progetti e riflettere sulle aspettative dei cittadini

Tre serate di informazione e di riflessione sul tema dell’impianto di collegamento veloce tra la città di Trento e il Monte Bondone: il 28 marzo, 18 aprile e 16 maggio, MUSE - Museo delle Scienze e Comune di Trento danno spazio al confronto, grazie alla presentazione di studi, testimonianze dirette e approfondimenti dal punto di vista naturalistico e architettonico.
L’iniziativa è dedicata in particolare ai cittadini di Trento, principali utilizzatori dell’impianto e - quindi - soggetti aventi maggior titolo per partecipare alle riflessioni sulla sua realizzazione.
Nel corso dei tre incontri, saranno presentati gli studi appositamente realizzati sulle aspettative di sviluppo della montagna di Trento e sulle prospettive e le attese, in termini di sviluppo, orientato alla vivibilità e al turismo.
Ci sarà inoltre spazio per le testimonianze delle città che hanno già in essere un grande impianto di collegamento con le vicine montagne, come Innsbruck, Aosta e l’Alpe di Siusi.
 
Proprio da queste presentazioni ci si aspetta di comprendere in che modo, gli impianti, siano diventati parte degli elementi che contribuiscono a una buona qualità della vita urbana.
In questo contesto, verrà dato spazio a riflessioni di tipo salutistico, nelle quali si dimostrerà quanto uno stile di vita che preveda una buona attività fisica - non necessariamente intensa e limitata allo sci - si traduca in maggiore salute, benessere e qualità della vita.
Un modo di ragionare, questo, che mette in collegamento la raggiungibilità di luoghi salubri con la salute stessa.
Infine le riflessioni degli architetti e degli urbanisti. Se - comunque vadano le cose - per realizzare il grande impianto ci vorranno almeno 5 anni, cosa è opportuno fare e modificare, quali ripristini e riletture dell’edificato meritano di essere presi in considerazione per preparare la montagna a diventare una meta necessariamente diversa da quella attuale? Quali le iniziative per «alpinizzare» - e quindi meglio conservare - le porzioni più naturali e dove permettere, invece, l’ampliamento degli spazi di frequentazione?
 
I tre appuntamenti serali, a ingresso libero, si terranno presso la sala conferenza del MUSE con questo programma:
- 28 marzo ore 20:30. Il Monte Bondone e le sue prospettive di sviluppo.
Serata di inquadramento dove si presenta lo studio partecipativo del Masterplan del Monte Bondone, promosso dal Comune di Trento, con intervento del responsabile della ricerca dott. Alessandro Oliveri.
Dalla grande e corposa ricerca saranno estratti i temi che affrontano premesse e conseguenze della realizzazione dell’impianto.
Il secondo intervento sarà del dott. Guido Vianello dell’Azienda per il Turismo Innsbruck Tourismus.
A lui la parola per raccontare come è cambiato il rapporto e la fruizione della città tirolese con la sua alpe, in seguito all’ammodernamento di uno storico impianto funiviario.
 
- 18 aprile ore 20:30. La montagna, i nuovi turismi e le relazioni con le città.
La serata presenta la ricerca del prof. Umberto Martini dell’Università di Trento che - per conto di Trento Funivie - ha svolto un’accurata indagine sul potenziale turistico del Monte Bondone, in rapporto alle recenti tendenze del settore.
Tra le riflessioni emergerà il rapporto con la città di Trento e le sue modificazioni, anche in senso turistico.
Le testimonianze sulle città che hanno già un rapporto diretto con la loro montagna sarà arricchito dalla testimonianza della città di Aosta, presentata dal dott. Giuliano Zoppo, Dirigente impianti della Regione Valle d’Aosta e da Helmut Sartori direttore di Funivia Siusi – Alpe di Siusi spa.
Il tema della salute in rapporto allo stile di vita e delle opportunità che da questo punto di vista l’impianto potrebbe offrire, saranno illustrate dal dott. Azelio de Santa.
 
- 16 maggio ore 20:30. Il Bondone come lo vorrei
Serata dedicata alle testimonianze di una selezione di architetti che, a livello locale, hanno sviluppato riflessioni sull’urbanistica e la fruizione dei territori montani.
Si discuterà dello stato attuale della situazione paesistica del Monte Bondone in rapporto alle strutture in edificato e in viabilità, delle possibili trasformazioni per migliorarne il paesaggio, la vivibilità e la fruizione.
La serata, introdotta da Susanna Serafini, Presidente dell’Ordine degli Architetti di Trento, sarà coordinata da Alessandro Franceschini con la presenza di Emanuela Schir, Alberto Winterle e del prof. Bruno Zanon, componente del Comitato Scientifico di Tsm-Step - Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone