Home | Letteratura | Racconti | Appunti di viaggio. Quella visita dal nostro agente al Cairo

Appunti di viaggio. Quella visita dal nostro agente al Cairo

Un'avventura sul filo dell'imbarco: mission possible

image

Il successo riscontrato alla pubblicazione di un primo resoconto di viaggio fatto nel lontano 1966 per andare a vedere lo sconcio del Muro di Berlino (vedi) ci ha spinto a pubblicarne altri. Questo riguarda una singolare avventura avvenuta in condizioni particolari, secondo noi difficile da ripetere.

Con l'occasione, invitiamo i nsotri lettori a inviarci delle loro avventure di viaggio. Purché ci sia sempre qualcosa di particolare da raccontare, le pubblicheremo volentieri.
_____________________________________________________________________

Le foto pubblicate in questo servizio sono state fatte dall'autore del viaggio (nella foto piccola).
_____________________________________________________________________



La prima volta che mi recai in visita al nostro agente in Egitto, trovai fuori del portellone dell'aereo una bellissima hostess in minigonna rossa, pelle di colore ambrato, capelli neri e labbra rosse, con un cartello in mano riportante una scritta stampata: «Mr. De Mozzi, follow me».
L'avevo seguita con orgoglio, facendo schiattare d'invidia i colleghi di volo, percorrendo con lei il «percorso Vip» che consente di non perdere neppure un minuto per le formalità doganali e per il ritiro bagagli.
Ero l'amministratore delegato di un'azienda trentina che produce dispositivi elettronici, il Managing Director, cioè capo della gestione, e tanto bastava per attivare la giusta accoglienza.

Fu per questo che la volta successiva, quando mi feci accompagnare dal direttore dell'azienda, decisi di portare con le ma macchina fotografica. Quella bella ragazza araba che mi invitava a seguirla meritava di finire nel mio album fotografico personale.
Ma stavolta trovai ad attendermi un bellissimo omaccione con i baffetti da sparviero, con lo stesso cartello: «Follow me».
«Ahhh… - Esclamai al mio direttore, che se la stava ridendo sotto i baffi. - Mi hanno fregato…!»
Misi via la camera e seguimmo lo steward. Perdemmo lo stesso pochissimi minuti, ma non raccolsi le lusinghe dell'omaccione che si faceva in quattro per rendere piacevole il nostro essere importanti.

Anche stavolta venimmo scortati per tutto il soggiorno dalla polizia turistica egiziana, quella che porta le ghette rosse, perché per gli Egiziani il turismo rappresenta la seconda risorsa nazionale dopo il petrolio. E il nostro agente, un ex generale dell'esercito, ci prese in consegna all'aeroporto e non ci avrebbe più mollato fino al ritorno all'aeroporto.
Il programma era intenso. Una visita ad un giacimento petrolifero, la visita di una raffineria, una presentazione operativa del funzionamento dei nostri dispositivi ai petrolieri arabi. Tra un impegno e l'altro, un paio di cene a base di splendido pesce del Mar Rosso (rigorosamente senza vino bianco, un delitto), uno spettacolo di danza del ventre, una trattativa d'affari a pranzo su un'imbarcazione in navigazione sul Nilo.



La tecnologia proposta era un dispositivo da installare sui punti critici dei pozzi di petrolio e della raffineria, in grado di inviare costantemente stringhe di dati provenienti dai sensori di allarme, come di ricevere disposizioni a distanza. La tecnologia da remoto era GSM e GPRS, la piattaforma informatica era Windows.
Il momento clou del viaggio di lavoro fu la presentazione operativa ai petrolieri arabi e, anche se non è questo il nocciolo dell'avventura che sto per raccontare, vale la pena conoscerne i particolari.
Avvenne in una sala conferenze del sesto piano sotto terra di un hotel di lusso, evidentemente collegato da ponti in grado di mantenere la copertura dei telefoni mobili.
In platea una trentina di petrolieri vestiti di bianco, copricapo bianco e cordino nero.
Noi eravamo seduti dietro una scrivania a sinistra, lasciando in mezzo lo schermo per il videoproiettore.

Prese la parola il nostro agente, che in inglese spiegò ai presenti la natura della dimostrazione. Quindi passò la parola a me.
«Ringrazio il mio agente per aver parlato in inglese - dissi a mia volta, - perché per me la vostra lingua è… arabo
Fortunatamente sorrisero di gusto, dimostrando di avere il senso dell'umorismo. Se fossero rimasti seri, forse avrei complicato le cose, ma così avevo stemperato la tensione.
Presentai il mio direttore e gli passai la parola perché procedesse alla dimostrazione.
Lui si alzò e si portò a un portatile collegato a un videoproiettore.



«Signori e signore - disse, dimenticando che non c'era neppure una donna in sala, - vi prego di dare i vostri numeri di cellulare al segretario del nostro agente, così li inseriremo nel nostro computer portatile.»
L'operazione non richiese che pochi minuti e mentre il ragazzo inseriva i numeri nel PC, il direttore spiegò che cosa avrebbe fatto.
«Sulla mappa vedete dei pozzi di petrolio ideali e una raffineria. Ad un certo punto io darò il segnale di attenzione per una pompa che presenta problemi. Riceverete immediatamente l'avviso sul vostro cellulare. Sullo schermo vedrete l'ubicazione della pompa.»
Premette il pulsante di invio e si accese l'icona di una fiamma sul disegno di un pozzo.
Immediatamente squillarono decine di cellulari che avvisavano l'arrivo di un SMS. Tutti guardarono il proprio display e lessero la scritta in inglese: «Pericolo alla pompa Sei».
Alzarono lo sguardo attendendo disposizioni dal mio direttore.
«Come potete leggere a fine messaggio, - disse lui - sono scattate altre operazioni automatiche inserite nel sistema. Il messaggio infatti lo hanno teoricamente ricevuto anche i diretti responsabili al controllo. Ma anche voi come loro potete prendere delle decisioni immediate: approfondire che cosa è successo,leggere cosa si consiglia di fare, cosa è già scattato in automatico, o comunque quello che vorrete attivare al momento del ricevimento del messaggio.»
Uno di loro chiese se poteva procedere allo spegnimento della fiamma. Quell'icona lo innervosiva.
«Certamente. - Rispose il mio direttore. - Come dice il vostro menù, basta premere il tasto 5.»
Lui lo premette e l'icona della fiamma si spense in breve, generando subito una serie di sospiri tra i presenti.
Seguì un altro esempio con la raffineria, dove l'elaborazione dei dati emessi dai sensori davano un assetto realistico della situazione, anche stando dall'altra parte del mondo.

Il resto era lavoro del nostro agente, riservandoci di rispondere a domande alle quali lui non sapeva dare una risposta.
Tutto bene quindi, e quella sera ci meritammo una strepitosa danza del ventre sul Nilo, rigorosamente senza un goccio di alcolici. L'agente trattò con me a lungo mentre la danzatrice faceva il possibile per distrarmi, ma era un gioco che mi aspettavo. Più che una donna, ci mancava un buon bicchiere di vino.
La sera però, portandoci all'albergo, ci hanno ricordato che al primo piano c'era un bar per occidentali, con tanto di alcolici e bellissime cattive ragazze. Sì, sappiamo che in inglese si dice proprio bad girls, ma trovammo lo stesso antipatico il termine e ce ne andammo dritti a letto senza neanche bere il bicchierino della staffa.
L'indomani ci portarono all'aeroporto, scortati dalla polizia turistica, e tutti ci lasciarono felici e contenti non appena passato il check point. Eravamo in buone mani.
Ma è proprio lì che invece cominciò la nostra avventura.



Appena passato il controllo, cercammo i nostri bagagli. Una cosa da poco, perché li si mette nel tunnel di controllo e li si riprende dopo che li hanno guardati con i raggi X.
Sì, semplice a parole, perché in realtà i nostri bagagli non arrivarono mai. Erano scomparsi prima ancora di entrare fisicamente nella stazione aeroportuale. Volatilizzati in un frazione di minuto, in un percorso di meno di cinque metri.
Come si può immaginare, abbiamo perso buoni cinque-dieci minuti prima di realizzare che qualcuno ce li aveva portati via. Ma tant'è, non ci perdemmo d'animo e ci dividemmo: mandai il collega a cercare le valige tra i passeggeri andati a destra ed io corsi a sinistra. Guardammo tutti i bagagli trascinati con le ruote o con un carrello da facchino. Guardammo anche quelli chi stava facendo le operazioni di imbarco, eppure niente. Sembrava inverosimile,ma qualcuno ce li aveva presi con destrezza. O con maldestrezza.
«Vieni - dissi all'altro. - Andiamo di corsa al posto di polizia aeroportuale. Ogni secondo è prezioso.»

Vidi un agente con le ghette rosse e gli chiesi di portarmi il suo comandante. Di corsa.
Quello mi portò in fretta al posto di polizia. emtrò e uscì accompagnato dal suo capo, un giovane tenente.
«Si calmi!» - Gridò questo in inglese, sistemandosi la cintura con la fondina. Forse faceva parte del suo protocollo di intervento quello di ripristinare la calma.
«Sono calmo. - Gli risposi tranquillo. - È lei che si sta agitando. In realtà però abbiamo pochissimo tempo, se vogliamo rimettere la merda dentro il cavallo.»
Francamente non so se aveva capito la seconda parte della mia frase, che in italiano sarebbe servita per sdrammatizzare. Fatto sta che ha risposto benissimo.
«Mi dica cosa devo fare.» - Mi disse, dimostrando contegno e mettendosi sull'attenti. Forse anche questo faceva parte del suo protocollo.
«Si faccia dire quanti voli con imbarco collettivo ci sono in questo momento.» - Gli indicai il telefono
«Imbarchi collettivi?» - Domandò con una certa curiosità.
«Sì. Abbiamo perso i bagagli e l'unica possibilità è che siano stati presi da qualcuno che effettua imbarchi collettivi. Non si rubano i bagagli in questa fase dell'imbarco.»
Realizzò subito. Prese il telefono e diede qualche ordine in arabo, secco, da chi è abituato a dare disposizioni. Protocollo.
Ascoltò, poi chiuse. Incrociai le dita.
«Ce ne sono due. Uno è appena finito, l'altro… temo che sia già decollato.»
«Sì sì, quello decollato non mi interessa. Voglio quello appena concluso. Qual è?»
«È il volo per Vienna.»
Mi guardò interrogativo.
«Cosa devo fare adesso?»
«Sì, mi faccia accompagnare a quell'imbarco.» - Indicai uno dei suoi agenti.
Ne chiamò due e diede ordini in arabo. Poi mi tradusse in inglese.
«Li segua.» - Disse. - Recuperi i suoi bagagli. Noi l'attendiamo all'imbarco dell'Alitalia.»
«Tieni. - Dissi al mio collega dandogli il mio bagaglio. - Torno subito con le nostre valige.»
Mi guardò commiserevole, ma scattai via subito.



Un agente mi precedette e un altro mi seguì, entrambi ostentando le ghette rosse e il kalashnikov imbracciato.
Quello in testa prese il passo di corsa e si diresse all'imbarco per Vienna. Io e il suo collega, dietro. Sbattevano gli scarponi per terra per palesare la loro azione.
Vedendoci arrivare così determinati, le hostess del check-in per Vienna si fecero da parte. L'agente di testa saltò sulla pesa bagagli e passò oltre. Io gli andai dietro, scortato dall'altro. Sembrava una spedizione di polizia.
Non ero mai stato dietro un check-in, ma francamente non ricordo molto. Sembrava una spedizione del periodo coloniale…



Certo è che al nostro passaggio tutti si facevano da parte, come se fossimo pericolosi. E quantomeno eravamo spaventosi, con il rumore cadenzato dei loro scarponi e il mitra di traverso. Anch'io mi trovai a sbattere le scarpe con il loro ritmo.
In pochi minuti uscimmo dal capannone bagagli, all'aperto vidi le piste di volo e gli aerei in attesa, ma andammo diritti verso un trenino portabagagli che si stava allontanando. L'agente fischiò e il conducente fermò il piccolo convoglio. Tutti si allontanavano di corsa, ma l'agente fermò un facchino. Questo tornò a malincuore, timoroso. Forse pensava che ci fosse un esplosivo nei bagagli. Ma obbedì.
Feci scaricare il primo carrello e allineare le valige. Niente.
Feci scaricare il secondo carrello. Niente
Feci scaricare il terzo. Niente.
Mi sentii un idiota, ma dovevo continuare a credere in quello che facevo.
Solo nell'ultimo carrello, come forse era logico, c'erano le nostre valige. Le riconobbi e lessi la targhetta.
«Eccole. - Dissi soddisfatto all'agente. - Recuperate.»
L'agente fece prendere i nostri bagagli da un altro facchino che chiamarono col fischietto. Lasciammo tutte le altre valige sull'asfalto e poi, ma stavolta con calma anche se al passo cadenzato, facchino e guardie mi accompagnarono al check-in dell'Alitalia, dove il personale ci stava stavano insieme al mio collega e al tenente con altri due agenti. L'ufficiale era più soddisfatto di me.
Mi fece il saluto militare e io glielo restituii.
«Complimenti - gli dissi. - Ha fatto un ottimo lavoro.»
«You welcome,sir!»



A bordo il collega mi disse che la confusione era nata per colpa nostra, perché ci avevano fatti passare tagliando la fila di un imbarco collettivo.
Lo so, gli dissi mentendo. «È per questo che ho ristretto subito le ricerche.»
Presi le mie parole crociate e cominciai compilarle, cosa che faccio solo quando prendo un volo.
All'altezza della Grecia, guardai dal finestrino, perché è sempre bello sapere di volare al di sopra degli dei, sopra l'Olimpo. Stavo pensando a Giove che guardava in su, quando vidi il Peloponneso e l'istmo di Corinto. Pare incredibile, ma da quell'altezza si vede perfino il ponte avveniristico che lo attraversa.
Ripresi le parole crociate. Non riuscivo a trovare un nome.
«Mi scusi, signora… - Dissi alla hostess. - Lei dovrebbe saperlo.»
«Mi dica. Se posso…»
«Lei sa chi è la santa protettrice delle Hostess?»
«Sì, certo. - Sorrise. - È Santa Bona
E se ne andò.
Mi prende in giro. - Pensai.
E invece era esatto: 9 lettere, avevo già una S, una B e una N. Scrissi SANTABONA e mi addormentai soddisfatto.

GdM

La foto che segue è stata scattata in pieno centro del Cairo. Il conducente sta usando il telefono cellulare, ma forse in Egitto non è un'infrazione...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni