Home | Letteratura | Racconti | Il racconto di Natale – «A casa.» Di Patrizia Belli

Il racconto di Natale – «A casa.» Di Patrizia Belli

Patrizia Belli è una stimata collega professionista di Rovereto

La bambina aveva solo sei anni e un passato di giorni predatori di sogni e notti in cui anche la luna si nascondeva per la vergogna. Notti in cui la madre si rivolgeva a quel Dio distratto e con la preghiera sacrilega degli innocenti lo implorava di esistere, almeno un po'.

Avevano camminato nel buio, ignari della meta. Una lenta processione al bordo d'una striscia d'asfalto. A vederli parevano quel che erano. Derelitti in cerca di riscatto. In marcia con le loro ingenue illusioni e con dentro quella voglia di pianto che è il supplizio dei mortali quando si congedano dalla terra natia. Seppur terra matrigna.

Li avevano fermati poche ore dopo lo sbarco.

La madre e la bimba erano state sistemate su una branda. La madre aveva stretto a sé la piccina. Tremava come un passero. Stavano in silenzio osservando quel mondo abbagliante e straniero. Una donna aveva donato alla piccola un orsetto di pezza. Sul volto recava i segni d'una anima gentile. La bimba aveva osservato il dono incredula.

In lontananza si stagliava il profilo di una nave.
- Fra poco saliremo.
- Per andare dove?
- A casa.
- Con quella nave?
- Sì.
- E dopo cosa accadrà?
- Torneremo a casa.
- Perché?
- Non possiamo restare.
- Perché?
- Ci vogliono carte che non abbiamo.
- Non ci vogliono qui?
- Siamo in tanti. Troppi.
- A casa ci sono ancora gli uomini armati?
- Forse.
- Mamma, è meglio non tornare.
- Dobbiamo.

La bambina guardò il dolore della madre e le toccò il viso come avrebbe fatto un cieco.

- Allora, fuggiremo di nuovo.
Disse.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni