Home | Letteratura | Autori | Premio ITAS del Libro di Montagna: le novità della 46ª edizione

Premio ITAS del Libro di Montagna: le novità della 46ª edizione

Cambia il regolamento del premio letterario: cinque sezioni tematiche, tra le quali verrà scelto un solo vincitore assoluto – Invio delle pubblicazioni entro il 31 gennaio


La giuria.
 
La giuria del Premio ITAS del Libro di Montagna introduce importanti novità nel regolamento della 46a edizione, nella scelta del vincitore assoluto e nelle categorie dei libri premiati.
La novità più rilevante riguarda la scelta di un solo vincitore assoluto per la migliore opera sul tema della montagna, scelto tra i vincitori delle cinque nuove sezioni:

-    Alpinismo e sport di montagna
-    Guide e mappe
-    Libri per ragazzi
-    Ricerca e ambiente
-    Vita e storie di montagna
 
I premi saranno quindi così composti:
-    1 vincitore assoluto (che vince la sua sezione e il Premio ITAS)
-    4 vincitori delle sezioni rimanenti
 
Come nelle precedenti edizioni, una segnalazione particolare verrà riservata all’opera che valorizzerà gli autori o l’editoria del Trentino a cui verrà assegnata la Menzione speciale Trentino.
 
Enrico Brizzi, presidente di giuria del Premio commenta così la scelta.
«Un premio letterario deve essere capace di interpretare i mutamenti della cultura e della vita sociale, in questo senso il Premio ITAS rilancia il suo impegno... Facendosi in cinque per ribadire il suo ruolo di primo di cordata fra i concorsi letterari dedicati all’editoria di montagna.
«Al sempre maggiore interesse che rivestono nella nostra società l’attenzione allo stile di vita e il rapporto con l’ambiente, fa infatti seguito una fortissima crescita dell’editoria dedicata alla montagna, all’avventura e all’aria aperta, tanto dal punto di vista della narrativa quanto della saggistica e della varia.
«Ecco perché, d’accordo con i colleghi giurati e ITAS, si è deciso di rinnovare il formato del Premio, arrivando a premiare ben cinque categorie diverse di libri, così da abbracciare l’intero arco della produzione editoriale consacrata alle magnifiche opportunità offerte dalle Terre alte
 
Istituito nel 1971, in occasione dei 150 anni di vita di ITAS, il Premio ITAS del Libro di Montagna è il primo concorso italiano in assoluto dedicato alla letteratura alpina e nel corso degli anni ha contribuito a far conoscere i libri di scrittori di montagna già noti o che, grazie al premio, lo sono diventati.
È soprattutto osservatorio privilegiato per monitorare come evolve il ruolo della montagna, l’immagine presso autori e pubblico: la revisione che periodicamente viene fatta della struttura del Premio testimonia la volontà di mettere giuria e lettori nella possibilità di comprendere al meglio la montagna, in sé e come modello interpretativo del mondo attuale.
 
La partecipazione all’edizione 2020 è riservata alle opere edite dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019 in lingua italiana da parte di scrittori viventi. Il termine per inviare le opere è fissato per il 31 gennaio 2020.
Il vincitore verrà premiato, come da tradizione, a Trento, nell’ambito della settimana cinematografica del 68° Trento Film Festival (25 aprile – 3 maggio 2020).
 
Tutte le informazioni, il regolamento, le categorie e i relativi premi sono consultabili al sito www.premioitas.it

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni