Home | Letteratura | I due presidenti | «I due presidenti» – Quinto capitolo

«I due presidenti» – Quinto capitolo

Spy story di Guido de Mozzi

IL PERIODO DEI DUE PRESIDENTI




PERSONAGGI

MARCO BARBINI
IMPRENDITORE ITALIANO

GINA BARBINI
MOGLIE DI MARCO

SAOUL GROWE
AGENTE SPECIALE DELL'FBI

JILL MOORE
AGENTE NSA

JEFF FLIT
CAPO OPERAZIONI NSA

A. CHITTUM E P. VINERY
AGENTI NSA

ROLAND GARCIA
VICEDIRETTORE AIR & SPACE SMITHSONIAN ISTITUTION

GREGORY LEVITAN
DIRETTORE DEL MUSEO DI DAYTON

MANNY LARSEN
CAPO DELL'UFFICIO STORICO DELL'USAF

COLONNELO KENNETT, MRS DOLAN, MR JACOBS
DELL'ARCHIVIO STORICO DEL PENTAGONO

GEORGE BUSH
PRESIDENTE USA USCENTE

BILL CLINTON
NUOVO PRESIDENTE USA

A mia Madre
che mi ha insegnato ad amare,
a mio Padre
che mi ha insegnato a scrivere.





Capitolo 5.


La mattina dopo ci svegliammo entrambi un po' prima delle 6. Lei disse di sentirsi bene e che le dolorava solo il gomito. Voleva riprendere in mano la situazione.
Cercò la Beretta nella sua Vuitton, ma non c'era perché l'avevo presa io. La vide sul comodino, se la prese e la rimise a posto. Mi diede un bacetto e si alzò. Scomparve in bagno mentre le guardavo i lineamenti che trasparivano dalla camicia da notte. Insisto a dire che aveva un bel culo.
Mi alzai anch'io e ordinai la colazione in camera. Lei uscì dal bagno e mi chiese di guardarle le ferite. Le ginocchia non erano gonfie ma sentiva male a piegarle; disse però che poteva camminare senza problemi. Avrebbe messo un paio di pantaloni. L'ematoma dell'anca non c'era quasi più; le sfiorai la coscia con l'esterno delle dita e sentii il calore che la sua pelle liscia mi trasmetteva. Il gomito era da rimedicare; le suggerii di fare un altro bagno bollente in attesa della colazione. Accettò il suggerimento. Però andai in bagno prima io e le aprii l'acqua mentre mi preparavo. Quando chiusi il rubinetto, versai i sali dell'albergo nell'acqua. Poi uscii.
"Dobbiamo preparare le valige." - Mi disse. - "Dobbiamo lasciare l'Hotel perché stasera, quando lasceremo Deyton, andremo diretti a Fort Lauderdale." - Bene. Avevano recepito la mia volontà.
"E' un'ottima idea." - Dissi allora. - "Sole, caldo, mare e aria aperta. Farà bene anche a te."
Due ore dopo, una macchina dei Federali ci portava ad un aeroporto militare di Washington, dove avremmo preso un bimotore a turboelica del Bureau. Avevo lasciato malvolentieri il mio lussuoso Carlton con i salottoni frequentati dalle vedove della politica e qualcosa mi diceva che, almeno per quel viaggio, non l'avrei più rivisto. Le cose a questo mondo non vanno mai come si pensa.
Io e Jill stavamo seduti dietro, Growe stava davanti a fianco dell'autista.
"Questo è il programma di viaggio." - Disse col tono di chi dà ordini. Quindi ascoltai la proposta con diffidenza, ma alla fine decisi che andava bene anche a me. - "Ora vi portiamo a Deyton, dove vi terremo sotto controllo. Discretamente." - Aggiunse per prevenire qualche mio intervento sgradito. - "Per quanto ce ne avrà, Mr Barbini?"
"A Deyton? Dipende. Se mi danno una mano, basta la mattinata. Se mi boicottano, non basterà tutta la giornata."
Mi accorsi che non avevo dato neanche stavolta una risposta chiara e precisa. Se ne era accorto ovviamente anche lui.
"Se sapesse rispondere alle domande con la stessa precisione con cui le sa porre..." - Protestò Growe. - "Per che ora dovremmo essere in grado di prelevarvi, se dovessero, diciamo, collaborare?"
"Per l'una o le due al massimo."
"Facciamo alle 2. Un nostro aereo vi preleverà a Deyton alle 2 e vi porterà ad Atlanta. In volo vi sapranno dire i dettagli della tratta successiva."
"O.K." - Mi accorsi che la macchina stava per giungere all'altezza del Cimitero di Arlington. Attesi un attimo, poi la fermai.
"Può accostare un attimo, prego?"
L'autista guardò Growe. Growe guardò me. - "Le serve qualcosa?"
"Mi consenta di fermarmi un attimo, abbia pazienza!" - Growe fece cenno all'autista di fermarsi come se avesse capito la ragione della richiesta.
Scesi in un attimo. - "Vengo subito." - Dissi. - "Ma non devo fare la pipì." - Restarono tutti attoniti cercando di capirci qualcosa. Growe aprì la porta e Jill scese dalla macchina con la mano nella borsetta. Mi spiaceva aver preoccupato Jill.
Entrai di qualche metro all'interno dei confini di Arlington togliendo dalla tasca un sacchettino di nailon preso in Hotel, mi chinai e raccolsi un po' di ghiaino bianco. Misi in tasca il nailon e risalii in auto. Chiusero le porte e ripartimmo. Tolsi il sacchetto di nailon dalla tasca e lo misi nel beauty.
Non sapevano come chiedermi cosa diavolo avessi fatto e io non dissi nulla. Per 5 minuti Growe non parlò, poi riprese a parlare.
"E' stata trovata l'auto."
"Era rubata?"
"Era un'auto a noleggio."
"Questa è una notizia! Allora sapete chi l'aveva noleggiata." - Dissi raggiante.
"No. Avevano dato documenti falsi."
"Non avevano pagato con Carta di Credito?"
"E magari avevano dimenticato a bordo le istruzioni di come sopprimere un personaggio indescrivibile come lei..."
"Mi prende in giro?"
"E' astuto, Mr. Barbini. Ha ragione, la sto prendendo in giro." - Poi, alzando la voce impaziente: "Cosa diavolo vuole che abbiano pagato con Carta di Credito?"
"Che cazzo ne posso sapere io? Siete voi i professionisti. Si fa per dire, professionisti..."
"Ha qualche reclamo da fare?" - Si riferiva a Jill, lo stronzo.
"Sì. Non mi va il suo tono. Anzi la sua interferenza da quando sono arrivato. Io sono un normalissimo cittadino..."
"O.K., O.K." - Disse alzando le mani in tono di resa. - "Diamoci un taglio. Siamo tutti un po' nervosi."
"Lo credo bene. La trappola che mi hanno teso dimostra che la segretezza dei miei programmi, dei miei contatti, dei miei spostamenti, non esiste per niente. Avete un buco nell'organizzazione."
"O potrebbe aver parlato troppo lei..."
"Sì, con voi." - Insistei.
"Senta. Dobbiamo andare avanti così." - Disse con tono più accomodante. - "Non siamo ancora in grado di chiudere la faccenda." - Pausa. - "Lei collabora ancora, vero?"
"Non vedo come non potrei. State facendo tutto voi..."
"Allora la prego. Vada avanti con il suo lavoro. Noi penseremo alla sua sicurezza."
"Alla nostra." - Indicai Jill.
Stava per rispondere, ma si trattenne. Jill mi toccò la gamba con la parte sana del ginocchio e l'argomento finì lì. Mi accorsi però che da quel momento non avrei lasciato Jill molto volentieri.

Il piccolo bimotore aveva dei finestrini troppo avanzati per vedere fuori stando seduti, per cui non lo trovavo molto comodo. In compenso atterrammo a Deyton dopo solo un'ora e mezzo. Ci fecero portare i bagagli (beauty compreso) in un deposito militare, quindi ci portarono al Museo dell'US Air Force di Deyton. Stavolta ad attenderci c'era il Direttore, Comandante Gregory Levitan. Gli avevano spiegato che eravamo sotto protezione dell'FBI e lui si era adoperato per facilitarci le cose.
"Dottor Barbini, come va?"
"Bene, grazie, Comandante."
Sulla sessantina, ancora scuro di capelli, corpulento, dallo sguardo aperto, sereno. Era in divisa, ed aveva un sacco di lustrini sul petto. In compenso aveva un paio di scarpe comode, fuori ordinanza, nere. Sembravano scarpe da golf... senza chiodi naturalmente.
"Prima di affrontare il lavoro," - disse con apprensione - "parliamo di cose serie. Quando mi hanno annunciato la sua visita, mi hanno informato che lei è un accanito golfista. Lo sono anch'io. Come va il suo Golf in questo periodo?"
"Non molto bene, ahimè. E' un periodo che, o per il freddo o per il lavoro, non mi riesce molto di giocare."
"Come sempre è il lavoro che rovina l'uomo. So che lei è titolare di un'azienda che realizza strutture museali. Conosce il nostro Museo?"
"Ho avuto la fortuna di conoscerlo due anni fa. Prima di progettare il Museo Aeronautico di Guidonia avevo voluto vedere tutti i più famosi. Sono stato a Washington, a Tucson, a Santa Monica, a Miami, a Daytona, a Seattle. Ma anche a San Paolo..."
"Il Brasile ha musei del volo?"
"Sì ce n'è uno a San Paolo, ma non è un gran che. E' a malapena una collezione di vecchi aerei."
"In Europa, quanti ce ne sono?"
"Esattamente non lo so, ma io ho visitato a Londra il British Museum e quello della RAF, che tre anni fa ha inaugurato un padiglione dedicato alla Battaglia d'Inghilterra; quello degli Idrovolanti a Shannon, in Irlanda, praticamente non ha velivoli; quello di Parigi è importante, ma passa inosservato perché... è a Parigi, che ha ben altre attrazioni; il Deutsches Museum ha..."
"In Italia ce ne sono altri oltre a quello che ha progettato lei?"
"A Milano c'è un padiglione dedicato al volo al Museo della Scienza e della Tecnica, come il British o il Deutsches Museum; poi c'è n'è uno a Vigna di Valle, a due passi da Roma, sul lago di Bracciano. Ma il più bello, voglio dire prima che venisse realizzato quello di Guidonia, è certamente il Museo Caproni di Trento..."
"Lo dice perché è di Trento?"
"Lo dico perché lo conosco. Lei lo ha visto?"
"La famiglia Caproni mi aveva invitato all'inaugurazione, ma io non avevo potuto venire."
"Pensi che erano state invitate 300 persone, ma ne erano venute più di 2.000..."
"Un bel successo. Sua moglie ha già visitato il nostro museo?"
Fui prudente. - "No. Oggi è la prima volta."
"Venga allora. Parleremo camminando verso il mio ufficio, così potrà goderselo."
E fece bene, perché è uno spettacolo vedere quei giganteschi apparecchi che pare impossibile riuscissero alzarsi dal suolo. Ad un certo punto Jill si attardò a guardare la cabina di un dirigibile enorme, e ci fermammo per lasciarglielo ammirare. Pareva un bambino davanti ad un negozio di giocattoli. Sotto il dirigibile stava la scritta L. Zeppelin.
"E' questo il famoso Led Zeppelin?" - Chiese candidamente.
Il Comandante scoppiò a ridere ed io rimasi sulle mie, perché mia moglie non ne avrebbe sparata una del genere.
"E' un Luft Zeppelin." - Corressi amabilmente Jill. - "Led Zeppelin è un famoso complesso musicale pop. Il suo pezzo più famoso è The Stairway to the haven, La Scala per il paradiso, ma non credo avessero pensato ad un dirigibile quando l'hanno scritta."
"Non aprirò più bocca." - Rispose Jill con un imbarazzo pronunciato in maniera più elegante che credibile.
Proseguimmo in mezzo all'esposizione di aerei più grande del Mondo (Tucson è più grande perché li espone all'aperto, nel deserto, ma forse è più un deposito che un museo).
"Cosa la porta qui da noi?"
"Io e mia moglie stiamo raccogliendo per il Museo di Guidonia del materiale storico relativo all'attività aerea degli USA in Italia dal 1943 in poi."
"Perché proprio dal '43?"
"Perché quest'anno ricorre il 50° anniversario della caduta del Fascismo, e il Museo di Guidonia vuole dedicare un'intero padiglione all'attività aerea dei Liberator."
"Allo Smithsonian di Washington ha trovato qualcosa?"
"Mi hanno dato copia di tutti i videodischi disponibili e dei loro software di gestione."
"Sono gli stessi che potevamo darle anche noi. Non so se..."
"No, grazie. Non sono venuto da voi per i videodischi. Io e la mia signora abbiamo già fatto un primo screening del materiale disponibile ed abbiamo isolato tutte le missioni a partire dal luglio del 1943."
"Missioni USA?"
"Sì."
"Di bombardieri?"
"Di tutti. Dei Liberator, appunto, ma anche di altri aeromobili."
"Qui, noi abbiamo tutto un padiglione dedicato al Bomber Command della Seconda Guerra. Abbiamo tutti i dati relativi alle operazioni, ma le disposizioni strategiche o tattiche sono in archivio. Per la precisione, cosa vorrebbe ricercare?"
Jill fino a quel momento aveva partecipato allo scambio di parole come se fosse davvero mio partner anche sul lavoro, ma ora si era fatta attenta alla risposta che avrei dato.
"Mi piacerebbe conoscere tutto quello che stava dietro ad ogni operazione di bombardamento. Chi lo decideva, perché, da chi riceveva indicazioni o disposizioni, a chi le dava..."
Fischiò. - "Così, genericamente, si tratta di materiale di una vastità enorme. Dovrebbe essere più preciso. Se ad esempio volesse conoscere tutti i piani di volo che hanno accompagnato le missioni di bombardieri che hanno colpito Berlino, ne abbiamo qualcosa come 10.000..." - Aprì la porta del suo ufficio e ci fece strada.
"Capisco." - Risposi pensieroso. Il fatto era che avevo le idee ben chiare, ma non sapevo come esprimerle senza venir sospettato di nutrire secondi fini nella mia visita in USA.
Ci fece accomodare e si sedette anche lui.
"Sarebbe possibile, ad esempio, isolare tutte le missioni di bombardamento che hanno avuto come obiettivo una città, diciamo, come Trento nel corso del mese di settembre 1943?"
"La città che ospita il Museo Caproni? Sì, naturalmente. Dove si trova di preciso?" - Rispose mettendosi al computer. - "Se ricordo bene è nelle Alpi del Nord-Est... Eccola qua, sull'asta del fiume Adige."
"Esatto, tra le Dolomiti e il lago di Garda."
"Il IV Stormo. Possiamo recuperare le rotte, i rapporti, anche nei più piccoli dettagli. Le foto le ha già, con i videodischi dello Smithsonian."
"E se volessi conoscere i dettagli sulle ragioni di queste missioni che vanno, diciamo dal 1° settembre 1943 alla fine di aprile 1945?" - Dissi mettendo sulla scrivania gli elaborati che io e Jill avevamo stampato il giorno prima.
"Certamente, ma non da noi. E si tratta di materiale tuttora riservato." - Disse sfogliando i tabulati. - "Non potrei farglielo vedere senza il permesso del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti."
"Avevo letto che sarebbe stato tolto il segreto militare da questi archivi..."
"E' una proposta di legge che l'Amministrazione Clinton ha promesso di far approvare ad elezioni concluse vittoriosamente. Ma come lei sa, pur avendo vinto, non si è ancora insediato alla Casa Bianca. Poi ci vorranno i tempi tecnici, il cambio dei vertici, lo studio delle commissioni... Ci vorranno almeno due anni, ammesso che venga approvata dal Congresso."
"Chi potrebbe dare il permesso, in questo momento?"
"I vertici dello Stato, naturalmente. Oppure i capi Dipartimento, se ritengono che il materiale espressamente voluto da lei non sia lesivo del Segreto di Stato."
"Lei, potrebbe concedermi il permesso di dare anche solo un'occhiata ad una serie di informazioni?"
"Francamente non mi sembra il tipo che si accontenti di un'occhiata, ma comunque non è possibile. Potrei però consultarmi con il Capo dell'Ufficio Storico dell'US Air Force."
"E chi sarebbe?"
"L'ammiraglio Manny Larsen."
"Un ufficiale di Marina a dirigere l'archivio militare dell'Aeronautica?"
"Esatto. Per quanto strano, è così. E' uno dei massimi storici ed esperto delle operazioni del servizio segreto militare."
"E potrebbe consultarsi con l'Ammiraglio per chiedergli l'autorizzazione di visionare i carteggi di una serie di operazioni?"
"Sì, posso farlo, ma non le garantisco nulla. Dipende da lui."
Contrariamente al consumistico Smithsonian, il Museo di Deyton faceva respirare un'atmosfera decisamente militare. Il comandante si mise a sfogliare con attenzione ciò che gli avevo messo in mano.
"Dottor Barbini." - Disse accigliato alla fine della lettura. - "I bombardamenti non sono mai stati un vanto per gli USA. Pensi che l'Enola Gay, l'aereo che ha sganciato l'atomica su Hiro Shima era stato esposto allo Smithsonian per un po' di tempo, ma venne ben presto tolto e ricoverato in un capannone della periferia di Washington..."
"Comprendo; devono essere moltissimi i Giapponesi che visitano ogni anno il Museo..."
"Questo solo per dirle che al Dipartimento di Stato non è mai piaciuto che un giornalista straniero venisse a mettere il naso in questi archivi."
"Capisco. Ma anche lei la pensa così?"
"Come la penso io è indifferente..." - Indicò il foglio che gli avevo dato. - "Sono certo però che lei non ha detto tutto sulle sue intenzioni. Io sono a capo di un museo, ma sono anche un ricercatore, e intuisco che a lei interessa qualcosa di molto più mirato. Lei non mi parla solo di operazioni strategiche, ma di specifiche missioni localizzate, per lo più singole e a raggio strettamente limitato. Mi pare qualcosa di più di una commemorazione storica..."
"Ha ragione. - Dissi. - "Ma non riguarda il vostro Paese e non riguarda neanche il concernente del materiale che vi ho chiesto di esaminare. Questa è solo una fase, e neanche la più importante," - mentii - "di un'inchiesta che sto svolgendo nell'ambito di una ricerca storica locale promossa dal museo. Accetta di aiutarmi?"
Prese il telefono e si fece chiamare l'Ammiraglio a capo dell'Ufficio Storico dell'USAF. Rimase a rileggere in silenzio la mia richiesta in attesa dello squillo di telefono.
"Pronto? Ciao... Sì, bene. Anch'io." - Scambiarono un po' di convenevoli. Parlarono anche di golf e ne presi nota. Se avevo capito bene, il Comandante Levitan doveva essere molto più bravo dell'Ammiraglio che stava dall'altra parte del filo.
"Senti," - disse. - "C'è qui davanti a me un amico con cui gioco a Golf di tanto in tanto. Uno studioso storico Italiano. Vorrebbe ficcare il naso in un Mac-Sette."
Sentivo l'altro che parlava mentre il Comandante annuiva e ogni tanto diceva di sì.
"Beh sì. Sì. Certamente."
Mise una mano sulla cornetta e mi chiese sottovoce: "Che handicap ha?"
"Handicap 17" - Risposi, precisando che come sempre non era un buon momento per il mio Golf.
"Gioca bene." - Gli mentì. - "Se preferisci può far coppia con te... Esatto. Come hai detto? Certo; d'accordo, un dollaro a buca. Aspetta che chiedo."
Si rivolse a me. - "Che ne dice di giocare domenica mattina con l'Ammiraglio contro me e un mio amico, 1 dollaro a buca?"
"Dove?" - Dannazione! Se domenica dovevo essere già di ritorno, il viaggio in Florida sarebbe saltato.
"A Miami. So che lei sarà in zona..."
"Affare fatto." - Sospirai di sollievo.
"Accettato, Manny. Poi non dire che non ti favorisco..! Va bene, d'accordo. A domenica. Ciao." - Chiuse il telefono. - "Il Golf schiude le porte del Mondo, mi pare. No?"
"Lei pensa che l'Ammiraglio sia disponibile..?"
"Lei lo faccia vincere..." - Da come lo disse, sarebbe stato più probabile un miracolo. - "Poi gli chieda di accompagnarlo a Washington lunedì mattina. D'altronde, è solo lì che può eventualmente mettere le mani sui documenti operativi che mi ha chiesto. Qui da noi, adesso, può solo recuperare i riferimenti di archiviazione, però si porterebbe avanti con la ricerca perché io potrei comunicarli subito via fax a Larsen."
Mi sentivo elettrizzato.
"Mi scusi," - dissi ancora. - "Ma qual è il suo handicap?"
Si fece serio. Pensò attentamente e poi disse, scuotendo sconsolato il capo: - "Mia moglie."
Un'ora dopo stavo lavorando in archivio del museo con Jill. Avevamo a disposizione un paio d'ore di tempo per isolare i dati di archiviazione che avrebbero potuto semplificare le cose a Washington lunedì mattina.
"Ti ho fatto fare una figura di merda, prima, con la storia dei Led Zeppelin, vero?"
"Ma no. Non più di tanto comunque. Ti sei comportata proprio come una moglie."
"Tua moglie avrebbe fatto una gaffe così?"
"No."
"Ma da una moglie come me c'era da aspettarselo. Vero?"
"Da una moglie qualsiasi, intendevo dire." - Non raccolse.
"Dopo mi spiegherai qualcosa di più, vero?"
"Su cosa? Sugli Zeppelin?"
"No, su quello che stai cercando davvero. Non mi avevi parlato di missioni notturne o di date."
"Va bene. Anche se è una cosa piuttosto noiosa..."
"Anche tu, alla fin dei conti, non mi consideri tua moglie a tutti gli effetti, eh?"
"Mia moglie non sa niente di questa ricerca." - Mentii. - "Se non ti ho considerato come una vera moglie è solo perché tu non vuoi..."
"OK, OK."
"E' una cosa piuttosto delicata. Te ne parlerò a casa mia, a Fort Lauderdale. Va bene?"
"Va bene." - Disse - "Ma almeno dimmi cosa devo fare."
"D'accordo. Però," - dissi facendo riferimento alla chiarezza, - "mi dovrai dire anche tu qualcosa di più su di voi. Cosa stanno combinando al Bureau? Perché hanno detto al Comandante Levitan che sarei andato a Fort Lauderdale a giocare a golf?"
"Non me lo hanno detto. E' secret." - Ma lo disse sorridendo.
"Ho dormito con una spia, eh?"
"Posso aiutarti? Alle due ci aspettano." - Aveva cambiato discorso con un buon argomento.
"Dobbiamo cercare tutti i riferimenti possibili che partono dal 2 settembre 1943."
"E' stata una data importante per l'Italia?"
"Il 2 settembre no, lo è stata solo per la mia città, e in modo tragico. Ma l'8 settembre del '43 sì. Quell'8 settembre in Italia è caduto il Fascismo."
"Mi spiace, ma non ne so molto."
"Anche in Italia non si studia molto il Fascismo nelle scuole. E' come se, nascondendolo ai giovani, potessero cancellarlo dalla Storia."
"Com'è che è caduto? Ci fu un attentato come per Hitler?"
"No. Ci fu una votazione, il precedente 25 luglio."
"Vuoi dire che il Parlamento non era mai stato soppresso?"
"Non fu il Parlamento. Fu il Gran Consiglio del Fascismo, il parlamentino del partito, a votare la sfiducia al Duce."
"E lo ha sfiduciato?"
"Esatto. La maggioranza aveva votato contro Mussolini."
"Affascinante. E' sempre meravigliosa la Storia: un dittatore battuto con un semplice voto democratico."

All'una e trenta, grazie al suo aiuto, avevamo già salutato il Comandante e stavamo andando con un pullmino dell'USAF ad un aeroporto militare diverso da quello dove eravamo atterrati. Passammo vicino ad un fiume.
"E' il Miami? - Chiesi a Jill, che ovviamente non lo sapeva. Lei lo chiese al secondo autista.
"Mi scusi, Sergente, ma come si chiama questo fiume?"
"E' il Miami, signora."
"Sì, è il Miami. Sei così bravo anche in geografia? Io non so neanche qual'è il fiume che passa per Milano..."
"Non credo che passino fiumi per Milano." - Dissi ironico. - "Sarebbero idioti a farlo."
Rise e mi diede un colpetto al braccio. Mi rivolsi al Sergente.
"Mi scusi, ma potrebbe fermarsi vicino al fiume un attimo?"
"Vicino al fiume, ha detto?" - Guardò interrogativo anche Jill, ma non ricevendo nessuna dritta, fece cenno all'autista di accostare.
"Va bene qui, signore?"
"Sì grazie." - Scesi dall'auto e, mentre il sergente e Jill uscivano a guardarmi le spalle, io corsi giù per le scalette che portavano all'acqua. Probabilmente anche il sergente pensava che dovessi fare la pipì. Dio sa invece cosa stava pensando Jill.
Presi un altro sacchettino di nailon e cercai di mettervi dentro un po' di sabbia del fiume. Un lavoro faticoso perché era tutto gelato. Ma non me ne serviva molta e dopo un po', con un paio di unghie rotte, risalivo alla macchina. Avevo preso un sacco di freddo. Il Sergente non disse nulla; probabilmente ne aveva viste di peggio.
"Prima, quando Growe mi ha telefonato per aggiornarsi," - disse Jill dopo un po', - "mi aveva chiesto se sapevo cosa diavolo avevi fatto ad Arlington. Gli avevo detto che non lo sapevo e che erano fatti tuoi. Ma visto che ti sei ripetuto, e sempre che non mi mandi a quel paese, non è che potresti dirmi appunto cosa diavolo ci fai con quei reperti che hai prelevato?"
"Mi domandavo quanto avresti aspettato a chiedermelo. Volevo dirvelo subito, ma pareva che non vi interessasse."
"Beh, la curiosità..."
"Sono anni che, ogni volta che mi reco in un posto nuovo, raccolgo dei campioni di sabbia per una mia cara amica che ne fa la raccolta."
"Raccoglie sabbia?" - Disse disgustosamente.
"Sabbia, sì. Ma solo dei posti più importanti," - mi affrettai a dire come per rendere più logica la collezione. - "A dir la verità, ad Arlington ho raccolto del ghiaino bianco, ma è altrettanto significativo..." - Mi ascoltava come se parlassi turco.
"Ma non eri già stato a Washington?"
"Le avevo già portato terra del giardino della Casa Bianca, sabbiolina dell'Obelisco, argilla del Potomac, terriccio del Campidoglio, sabbia dei Memorials di Jefferson, di Lincoln e di Roosvelt... Non le avevo ancora preso qualcosa del cimitero di..."
"Roba da non credere."
"Non devi crederci, anzi, non devi farci niente. Come dicevi tu, sono fatti miei. E della mia amica, naturalmente."
"Amica amica , o amica amica?"
"Amica, punto e basta."
"Ma il fiume di Deyton, che interesse può avere?"
"Il nome: Miami. Le ho portato sabbia di Hollywood della Florida che conserva vicino a quella di Hollywood della California. Degli Universal Studios di Orlando e di Hollywood. Ho preso sabbia di Daytona della Florida, ed ora le porto sabbia di Miami di Deyton..."
"Dio mio, devi essere matto!"
"No, sono un amico."
"Toccata, scusami. Deve essere bello avere un amico come te..."
"Ce l'hai mi pare, no?"
Non rispose e si girò dalla parte del finestrino.

Più tardi salimmo su un jet militare che portava noi ed altre tre persone, di cui una in divisa militare, ad Atlanta. Era più veloce di quello della mattina, perché l'intenzione era di portarci con mezzi apparentemente normali ad un aeroporto gigantesco del Sud, dal quale partono tutte le compagnie per tutte le parti del Mondo.
Giunti ad Atlanta due ore dopo, infatti, ci vennero a prendere tutti cinque con un pullmino e ci portarono ad altri aerei in attesa di decollo. Per noi fu un magnifico Citation S2 che ci portò in meno di un'ora e mezzo al North Perry Airport, un piccolo aeroporto executive di Hollywood in Florida, 10 miglia Sud da Fort Lauderdale.
Appena scesi venimmo accolti da una piacevole vampata di calore.
"Quanti gradi?" - Chiesi ad uno dei piloti.
"Sono 79 gradi Fahrenaith." - Che corrispondono ai 27 gradi centigradi, pensai.
Salutammo i due piloti che ci avevano accompagnati nell'hangar.
Due poliziotti in divisa marrone, in una macchina con le insegne della polizia di Stato della Florida, caricarono i bagagli senza meravigliarsi della mancanza di peso della sacca da golf, e ci accompagnarono a casa mia percorrendo la University Nord e quindi la Stirling East fino all'Emerald Golf & Country Club di Fort Lauderdale.
All'ingresso del villaggio c'era uno dei soliti guardiani che mi riconobbe.
"Che sorpresa, dottor Barbini! Non la stavamo mica aspettando!"
"Infatti, è un'improvvisata anche per me. Non ti sarai mica affittato casa mia?" - Gli chiesi scherzando.
"Dio mio, no, no!" - Disse con forza.
"Stavo scherzando." - Ma non lo avevo rassicurato proprio del tutto.
"Benvenuta signorina!" - Disse alla mia compagna. Poi, rivolto a me: - "E' sua nipote, vero? Che grande che si è fatta! Quanto rimanete?"
"Tre giorni in tutto. Ciao, ci vediamo." - Alzai il beauty per salutare come faccio di solito.
Poi, rivolto a Jill in italiano, dissi: "Hai visto? Non ha neanche cagato i poliziotti, come direbbe la tua cara cugina."
Alzò la stanga, ma prima di farci entrare diede un passi ai poliziotti. - "Dovete ridarmelo quando uscite. O.K. ragazzi?" - Il più anziano aprì il finestrino e sputò.
"Mi ha dato l'impressione che ogni tanto si affitti davvero casa tua..." - Disse Jill sorridendo.
"Ma non può materialmente farlo. Controllano tutto e i controllori sono troppi per mettersi tutti d'accordo."
"Cos'è la storia della nipote?"
"Ma niente. Una volta sono venuto qui con una ragazzina di vent'anni, e me l'hanno menata per sempre."
"Solo una volta?"
"Una o due. Tre al massimo."
"Capisco. Quindi con i vicini è meglio dire che sono tua nipote?"
"Beh, potrei dire che sei mia sorella o mia zia. Ma dato che saresti mia moglie..."
"Al diavolo, stronzo!"
I poliziotti ci lasciarono non appena aperta la casa e verificato insieme a Jill che non c'era nessuno dentro.
"E' un fatto positivo, comunque." - Dissi mentre accendevo l'aria condizionata, il riscaldamento dell'acqua di casa e della Jacuzzi in giardino.
"E' positivo cosa?" - Rispose lei aprendo le finestra studiando così la situazione nei particolari.
"Ogni volta che sono arrivato qui senza preavvisare nessuno, sapevano che sarei arrivato. Stavolta, no. Avete fatto davvero un bel lavoro. L'organizzazione comincia a tenere." - La guardavo mentre studiava alcune prospettive della casa. Misi sotto carica il telefono portatile.
"E in ogni caso," - continuai, - "sei la prima delle mie amiche che invece di ammirare la casa e farmi i complimenti, la sta studiando per preparare una via di fuga. Dico bene?"
"Già."
"Cosa facciamo per la cena? Andiamo all'Outback?"
"E dov'è?"
"Sulla Diciassettesima Strada, prima del ponte levatoio. A cinque miglia da qui."
"Va bene. Domani però comperiamo da mangiare e preparo io." - Mi disse.
"Anch'io so cucinare, e bene. Sono un Italiano..."
"Allora vedremo chi sa farlo meglio. O.K.?"
"L'importante è farlo."
"Già." - Ma non aveva capito.
"Non è male casa tua."
"Grazie a Dio sei anche tu una donna come tutte le altre!"
"Con le zanzariere che hai messo, non può esserci contatto con l'esterno senza fare rumore." - Mi disse con tono professionale.
"Ma di cosa parli?"
"Della sicurezza."
"Fanculo. Pensavo che parlassi di casa."

(Precedente)
(Successivo)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni