Home | Letteratura | Libri per Natale | Il libro trentino da regalare a Natale/ 12

Il libro trentino da regalare a Natale/ 12

Titolo: «Un orso sbrana Baricco» Autore: Carlo Martinelli Editore: Curcu Genovese Pagine: 88 Prezzo: € 9

image

Baricco o non Baricco…
Se non è lui, gli assomiglia in maniera davvero curiosa. Ma partiamo dall'inizio. La vicenda raccontata riferisce di uno scrittore italiano famoso che decide di indossare le vesti di regista cinematografico e avventurarsi con tutta la troupe tra le montagne del Trentino.
Purtroppo per lui, un gruppo di attivisti politici, vagamente eversivi, complotta di tendergli una trappola, in nome di una assoluta giustizia sociale. E l'orso, cosa c'entra?
Beh, basta leggersi il racconto che dà il titolo all'ultimo libro del giornalista Carlo Martinelli. Solo così il lettore potrà appurare se di omonimia trattasi o se veramente il Baricco del titolo è l'autore di «Novecento».

Carlo Martinelli - Un orso sbrana Baricco
Un celebre scrittore è anche il regista di un film che si gira nei boschi del Trentino. Viene assalito, sbranato e sfigurato da un orso. Un gruppo di ecologisti radicali prepara un comunicato di rivendicazione. Un poliziotto telefona al ministro.
Questa la trama del primo dei tredici racconti contenuti in «Un orso sbrana Baricco», dove, in bilico tra le urgenze della cronaca e le derive della fantasia, troviamo anche Margherita Cagol, Georges Simenon, Stan Laurel, un martellatore di statue e il barista di un'area di servizio lungo l'autostrada del Brennero.



L'autore - Carlo Martinelli (Nella foto)
Trento, 1957. Giornalista, ex libraio. Ha pubblicato «L'immaginario della montagna nella grafica d'epoca» (con Roberto Festi, Priuli & Verlucca, 1996); «Storie di pallone e bicicletta» (Curcu & Genovese, 2003, finalista al «Premio letterario Peppino Prisco»). Ha curato i testi del libro sui fratelli Pedrotti «L'in-canto della montagna» (Priuli & Verlucca, 2007) e «A Merano in attesa di Ezra Pound» (Curcu & Genovese, 2002) di Luigi Serravalli. Altri suoi racconti, interventi critici e poesie sono sparsi in numerose pubblicazioni.

Sommario
Un orso sbrana Baricco. Dove un famoso scrittore è anche regista di un film che si gira in Trentino. Un orso lo assale e lo sbrana. Un gruppo di ecologisti radicali prepara un comunicato di rivendicazione. Un poliziotto telefona al ministro. Al solito, niente è quel che sembra.
Sabato d'agosto. Dove su un ponte lungo il fiume Adige, in una calda giornata d'estate, una coppia che si sposerà di lì a poche ore (lei è Margherita Cagol, lui Renato Curcio) incontra un signore belga: Georges Simenon.
Nei libri di storia dell'arte sono entrato anch'io. Dove un tizio parte da Trento diretto a Lucca, in tasca un martello. E mentre rivede tutti quelli che se la sono già presa con statue e quadri, pensa come sistemare l'immacolato volto marmoreo di Ilaria Del Carretto.
Le ultime parole di Stan Laurel. Dove Stan Laurel e Oliver Hardy sono su un aereo, destinazione Milano. E il pensiero corre a Verona, a Shakespeare e a quella battuta, immancabile. «Preferirei essere su una pista di sci».
Ne ho viste di cose, porzelàna. Dove un barista che lavora in un'area di servizio, lungo l'Autobrennero, racconta quel che vede. Il passaggio di studenti in gita, turisti in vacanza, mafiosi dell'Est, consumatori nevrotici.
Nella piazza del Mart. Dove un incontro virtuale in chat - tra un funzionario del Comune e una misteriosa signora - diventa imprevedibilmente reale, davanti ad un museo.
Sogno spezzato. Un mini racconto a «tema» deve ospitare dieci parole prefissate. Il sogno spezzato è quello di Guy Debord.
Tic tic tic. Dove le lancette di un orologio…
La funicolare di Cislenko. Dove nell'estate del 1966 i Mondiali di calcio in Inghilterra e la Corea del Nord incrociano le fantasie di un ragazzino.
La notte del CRPLBABNAT. Dove alcuni Babbi Natale si ribellano al Mercatino di Natale.
Lo spacciatore di poesie. Dove una pubblicazione a tiratura limitata racconta di chi crede nella poesia a tiratura limitata.
Coppi, Bartali, Marinelli. Dove nel Tour de France del 1949 Jacques Marinelli, il «pappagallino» ciclista, figlio della val di Sole, sfida i giganti del ciclismo.
Nella nuvola di Magritte. Dove la pipa Mundial di Enzo Bearzot racconta di un illustre precedente.
Pulcinoelefante. Dove due poesie sui portieri di calcio e sull'amore…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni