Home | Letteratura | Libri | «Il ridotto della val Giasinozza. Vita di guerra nel Primiero»

«Il ridotto della val Giasinozza. Vita di guerra nel Primiero»

Martedì 1 settembre alle 18.00 presso la Biblioteca civica Tartarotti di Rovereto, presentazione del romanzo storico di Guido Falqui Massidda, con l'autore

image

Titolo: Il ridotto della val Giasinozza. Vita di guerra
            nel Primiero

Autore: Guido Falqui Massidda
Editore: Epigraphia 2019
 
Pagine: 78
Prezzo di copertina: € 15
 
 Il contenuto  
Un romanzo storico che racconta vicende di guerra di uno spaccato del nostro paese: la Prima Guerra Mondiale nel Primiero.
Tra dolori, battaglie, sotterfugi e stratagemmi, ci parla di valori, di sentimenti, di amicizia e di lealtà. Attraverso la narrazione storica si concentra sulla vita che va avanti anche quando è tutto perduto, nelle situazioni più disparate, impervie e dolorose.
L’autore si sofferma e analizza le storie dei personaggi, le loro paure, le loro caratteristiche, nel bene e nel male, perché il male ci porta molto spesso ad avere dei comportamenti che in altre situazioni non avremmo e che possono manifestarsi nei periodi più bui dell’esistenza umana.

Ci racconta dei loro sentimenti in una situazione tanto difficile e sotto stress, ma ci parla soprattutto di valori umani, come l’amicizia, il rispetto e la lealtà verso il nemico, verso l’altro da te, verso l’uomo che porta solamente una divisa di un colore diverso dal tuo, ma che come te sta solo cercando di sopravvivere ed è solamente un uomo.
Attraverso ricordi, vari racconti dei familiari e soprattutto la testimonianza dei nonni che hanno vissuto quel periodo, sottolineando l’importanza di tramandare di generazione in generazione antichi vissuti ed esperienze e di ascoltare le memorie e i ricordi degli altri, come se fossero un libro da leggere, parla di storie di vita e di umanità dove l’umanità non c’è.

Il libro è accompagnato da CD audio.
 
 L’autore  
Guido Falqui Massidda è nato a Primiero, vive e lavora a Rovereto, ove gestisce uno studio legale, attività che ha ripreso dopo una parentesi quarantennale da Notaio.
È stato Presidente del Consiglio Notarile, consigliere della Cassa Nazionale del Notariato, consigliere e assessore nel Comune di Rovereto, Presidente dell’Aereoclub di Trento e dell’Associazione Italiana Piloti di Montagna. Fa parte di varie associazioni di volontariato.
Ha scritto «Germania perdono», «I misteri del monte Biaena», «Monsignore Giovanni Battista Deville: storia di un montanaro trentino», «La casa rossa», «Il Manuale del Registro Aeronautico Nazionale», tutte delle Edizioni Zandonai, sotto diversi marchi (Nicolodi Egon). Ha scritto due edizioni di un trattato sul sistema tavolare e tre edizioni sul tema delle successioni e donazioni, oltre ad articoli vari e interventi in materia di diritto e di racconti in particolare quelli del concorso annuale del Furore dei Libri.
È stato docente di materie giuridiche ed economiche all’Istituto Tambosi di Trento e di materie letterarie alle Scuole Medie dell’Istituto Provinciale Sant’Ilario di Rovereto.
Ha tenuto un corso di diritto tavolare all’Università di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni