Home | Letteratura | Libri | «Indro: il 900. Racconti e immagini di una vita straordinaria»

«Indro: il 900. Racconti e immagini di una vita straordinaria»

Marco Travaglio: «L'ho scritto per chi Montanelli l'ha letto, ma l'ha dimenticato...»

image

Titolo: Indro: il 900. Racconti e immagini di una
            vita straordinaria

Autore: Marco Travaglio
Editore: Rizzoli 2021
 
Pagine: 300, Brossura
Prezzo di copertina: € 23
 
 Descrizione  
L'ho scritto per chi Montanelli l'ha letto, ma l'ha dimenticato; per chi Montanelli avrebbe potuto leggerlo, ma non l'ha fatto perché stava dall'altra parte della barricata; e, soprattutto, per chi Montanelli non ha potuto leggerlo per ragioni anagrafiche e non sa cosa si è perso.
Prima entra il nasone, poi i due occhi azzurrissimi e sgranati, poi tutto il resto. Un corpo filiforme di un metro e 88 per poco più di sessanta chili in un dolcevita e un completo grigio che potrebbe reggersi da sé, se non fosse per i due trampoli. Un airone cenerino vestito da lord inglese.
 
Un pomeriggio mi siedo nel corridoio fuori dal suo ufficio, con la porta sempre socchiusa.
Lo spio dalla fessura per una mezz'oretta mentre scrive il suo editoriale sull'Olivetti Lettera 32. E assisto al prodigio che si ripete ogni giorno: è come una mantide religiosa in trance, la testa curva sulla tastiera, il naso quasi conficcato nel foglio che avanza sul rullo, i due indici che picchiettano senza sosta come sui tasti di un pianoforte, a un ritmo musicale.
 
Poi, arrivato in fondo, estrae il foglio, rilegge rapidamente in tralice con gli occhiali sulla punta del naso, aggiunge un paio di virgole a pennarello, firma, sorride e consegna.
Già sa che il pezzo è lungo il giusto, a misura della sua colonna in prima pagina («Niente giri nelle pagine interne: giramento di pezzo, giramento di coglioni»).
Due cartelle dattiloscritte e immacolate, senza correzioni né tagli né cancellature.
 
Letizia Moizzi, la nipote che lavora con noi, mi racconta che spesso lo zio Indro gli editoriali li sogna la notte e glieli recita, anzi glieli canta, durante la passeggiata mattutina prima di scriverli, per accertarsi che abbiano il ritmo e la musica giusti.
Il finale è sempre un lampo al magnesio, un fulmen in clausola.
In settantadue anni di carriera, mai un articolo tirato via, o banale, o spento, o privo di un guizzo, di una trovata, di un'idea («una sola però: due sono già troppe»): l'esatto opposto del giornalismo medio di oggi. Ne troverete tanti, di quei miracoli, in questo libro.
 
(Dall'Introduzione di Marco Travaglio)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni