Home | Letteratura | Libri | Enrico Cavarischia, «Le stelle sopra la montagna»

Enrico Cavarischia, «Le stelle sopra la montagna»

Un dipinto metaforico di un uomo che ancora scala la montagna a mani nude, che non ha paura di niente, ma che non riesce a sostenere lo sguardo di sua figlia

image

Titolo: Le stelle sopra la montagna. Un uomo e le sue
            debolezze, la musica, l'amore

 
Autore: Enrico Cavarischia
Editore: Libri dell'Arco
 
Pagine: 140, Brossura
Prezzo di copertina: € 12
 
 Trama del libro  
Il primo romanzo di Enrico Cavarischia dal titolo Le stelle sopra la montagna tratta di un uomo burbero e navigato, ma intelligente e - a modo suo - sensibile.
Mariosse è uno che non si nasconde dietro un dito, uno che dice sempre ciò che pensa a rischio di risultare impopolare.
«Se dovesse descriversi probabilmente lo farebbe con riluttanza, rispondendo quasi stizzito: Cosa vuoi che ti dica? Che sono un brav’uomo, un modello, un esempio da seguire, uno di quelli che vorresti accanto a tua figlia? Uno pulito, sbarbato, sobrio, uno ricco, bello e profumato con la villa al mare e la Porsche nel garage?
«No. Io sono quello che se ne sta nella penombra dei suoi torbidi pensieri, un animale in cattività nella sua gabbia, quassù tra le montagne nevose e fredde, un tipo iroso, uno che scatta per una parola di troppo, per uno sguardo storto, un beone che non sa dir di no ad un buon rosso, la sua debolezza, il suo mostro.
«Forse bevo per nascondermi dalle mie paure, dalle mie debolezze, dalla mia timidezza cronica, da lei, da mia figlia che non vedo da anni, che si vergogna di me, ma non posso biasimarla. Un padre così chi lo vorrebbe?
«Una sorta di Dorian Gray con un dipinto metaforico che marcisce dentro, uno dall’aspetto giovanile e piacente, in qualche modo affascinante, uno che inganna l’interlocutore, ma che in realtà si sente morire, uno che ancora scala la montagna a mani nude, un uomo in forze, fisicamente asciutto, che non ha paura di niente, ma che non riesce a sostenere lo sguardo di sua figlia.
«Sono un leone con la coda tra le gambe.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande