Home | Letteratura | Libri | Veronica Janeva – «Le radici del tiglio»

Veronica Janeva – «Le radici del tiglio»

Affresco di un’epoca e odissea di una famiglia, come tante, attraverso le tappe di un viaggio tra ricordi, sacrifici e rinunce per cercare un posto da chiamare casa

image

Titolo: Le radici del tiglio. T’ga za jug - La nostalgia per il sud
Autrice: Veronica Janeva
 
Editore: Edizioni DBS
Genere: Migrazione, ricordi, nostalgia.
 
Pagine: 190
Prezzo di copertina: € 15
 
 Descrizione  
Verica Janeva, in 47 brevi racconti carichi di sentimenti e di nostalgia, descrive l’odissea di una famiglia costretta ad emigrare dal profondo Sud della ex Jugoslavia al nord. Attraverso gli occhi e l’animo innocente di bambina traccia un quadro di ricordi, sacrifici e rinunce.
Ormai adolescente si troverà costretta, causa lo scoppio della guerra nei Balcani, ad abbandonare la famiglia e quelle poche certezze costruite a fatica.
Ed eccola ripartire e reinventarsi un nuovo futuro in Italia alla ricerca delle opportunità del «Nord capitalista», dove ogni sogno appare raggiungibile.
I tratti ironici lasciano trasparire un vissuto sofferto e un disperato e melanconico tentativo di ricerca delle proprie irrinunciabili radici, della propria storia e di un mondo amato e perduto in un passato non troppo remoto.
 
 Prefazione  
La prefazione di Alberto Pacher - Presidente del Villaggio del Fanciullo Sos di Trento - ricorda come sia possibile, leggendo il libro, udire l’eco di migliaia di altre storie, storie di partenze, di migrazioni alla ricerca di una nuova terra in cui sentirsi a casa.
E continua «Milioni di persone, bambini e bambine lasciano il sud del mondo, o meglio uno dei tanti sud che segnano ogni paese o continente, spinti da una ricerca di condizioni migliori di vita, di nuove possibilità, spesso di maggiore riconoscimento dei propri diritti».
 Una parte del ricavato dalla vendita del volume sarà devoluto all’Associazione il Villaggio del Fanciullo di Trento.
 
 Note sull’autrice  
Verica Janeva si laurea in canto presso il Conservatorio di Musica di Riva del Garda e in Sociologia all’Università di Trento, successivamente consegue il Dottorato di ricerca in pedagogia e didattica all’Università del litorale di Capodistria.
Tra le sue opere ricordiamo «Trasformare il corpo in uno strumento» (2012), «Habitus operistico», Verona QuiEdit; Some of the Challenger of Education Opera Singers in Italy; «Glasbeno Pedagoski Zbornik», Lubiana: Academy of Music in Ljubljana (2014).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande