Home | Letteratura | Libri | Francesca Patton e Mattia Coser: «Whatslove;)»

Francesca Patton e Mattia Coser: «Whatslove;)»

È nato il primo romanzo «WhatsApp» grazie a due autori trentini, che hanno inventato un nuovo formato letterario

image

Titolo: Whatslove;)
Autrice: Francesca Patton
Autore: Mattia Coser
 
Editore: Fides, 1 agosto 2022
 
Pagine: 142, Brossura
Prezzo di copertina: € 14
 
 Descrizione  
Laura J. Freedman è una studentessa di liceo che non ha più alcuna ambizione nella sua vita, se non quella di rimanere nella sua stanza e guardare film per cercare di non andare a fondo.
Contro ogni sua aspettativa, presto ci sarà una svolta nella sua vita, incontrerà Fabio e Lorenzo, due poli opposti: il primo è misterioso, freddo e distante, il secondo sicuro di sé e (fin troppo) estroverso.
Fabio o Lorenzo, acqua o fuoco, chi tra i due saprà farsi strada nel cuore di Laura e lasciare che le fiamme non cessino mai di ardere?
Chi porterà spensieratezza, amore e rinascita nella sua vita? Chi riuscirà a buttare giù i muri entro cui lei si rifugia?
Un romanzo nuovo cari lettori, un Whatsbook in cui Laura vi prenderà per mano permettendovi di entrare in un pezzo del suo mondo e vi porterà nella sua vita facendovi fare un giro sulle montagne russe.
 

 
La presentazione degli autori  
Si tratta del primo romanzo WhatsApp, un’innovazione della letteratura, nata dall’idea di due filosofi trentini.
«A noi – affermano gli autori – piace definirlo un whatsbook, un’esperienza nuova per chi ama leggere e sicuramente un modo originale per avvicinare anche i meno amanti dei libri alla lettura.»
Il romanzo, infatti, pur essendo di più di cento pagine, è agevole e si legge con grande facilità. Come già si può trovare in rete nei profili di alcuni giovani, questo libro è come «sbirciare nell’i-phone di un proprio amico o amica». Ed è facile, dunque, farsi prendere da quella curiosità di continuare la lettura.
 
«Whatslove;)» nasce in modo altrettanto particolare, dato che gli autori lo hanno redatto l’uno dal Trentino e l’altro dall’Austria, condividendo e portando avanti, grazie alle nuove tecnologie, il testo.
«È stato – sostengono Francesca e Mattia – come aprire le porte a una realtà parallela e calarsi nei panni di Laura, di Fabio, di Lorenzo, di Natalia e dei vari personaggi del romanzo. Abbiamo giocato a dare vita a una nuova realtà da remoto, grazie alle nuove tecnologie.»
«Whatslove;)» è un romanzo epistolare postmoderno che mette in scena due giovani adolescenti e il loro mondo fatto di scuola, soddisfazioni, amicizie, ma anche sofferenze, ambiguità, sessualità e amore.
 
Sarà proprio questo sentimento rosa a muovere le pagine del romanzo e portare Laura, Fabio, Lorenzo e Natalia a crescere. Ognuno a modo proprio, ognuno seguendo la propria spinta interiore e ognuno, alla fine, scegliendo a quale mondo appartenere.
Laura J. Freedman, la protagonista, frequenta un liceo scientifico a Trento e si trova in una fase dolorosa della sua vita. Un evento in particolare ha segnato definitivamente la sua spensieratezza e sarà Fabio, un ragazzo
che frequenta il liceo classico, in un forum di film horror, a farla uscire dalle «tenebre». Sullo sfondo, però, appare anche un altro ragazzo, Lorenzo, che presto diverrà un rivale in amore.
 
Le chat dei ragazzi sono intervallate da pagine di diario in cui Laura conduce il lettore a conoscere da vicino alcune delle giornate che hanno profondamente segnato la sua esistenza e l’hanno fatta crescere.
La protagonista, sprofondata nel buio più buio, decide di condividere il suo percorso per dare speranza anche ad altri ragazzi e ragazze e far comprendere che, anche se a volte la vita fa degli sgambetti, c’è sempre una via d’uscita, un proprio «vento» che, pur innervosendoti, allontana le nubi e porta il sereno.
«Un autore come Italo Calvino – affermano gli autori – sapeva bene quanto fosse un imperativo categorico per uno scrittore rappresentare il proprio tempo e come questo potesse portare a una certa opacità o pesantezza, con Whatslove;) abbiamo cercato di rappresentare il nostro mondo con leggerezza e profondità. Confidiamo di esserci riusciti.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande