Home | Letteratura | Libri | Oliviero Stock: «In barba a H»

Oliviero Stock: «In barba a H»

Presentazione del libro con supporto musicale al Museo Etnografico Trentino in occasione della Giornata della Memoria giovedì 26 gennaio 2023

image

Titolo: In barba a H
Autore: Oliviero Stock
 
Editore: Bompiani, 2022
Presentazione: Giovedì 26 gennaio 2023
 
Pagine: 360, Brossura
Prezzo di copertina: € 19
 
 Descrizione  
È il 1938, Adolf Hitler entra a Vienna su una Mercedes scoperta, accolto dalla folla esultante.
Dalla loro casa affacciata sul Ring, Gerty – la madre dell'autore – e i suoi genitori assistono alla scena, consapevoli che di lì a poco saranno costretti ad abbandonare tutto per salvarsi.
Nella prima fase delle persecuzioni naziste c'è ancora qualche margine d'azione, e così Ferdinand e Isabella, Adolf e Anna, Gerty e Guido, Harry e Georg – le tre generazioni della famiglia ebraica protagonista di queste pagine – si muovono con coraggio e creatività, assistiti da un fattore determinante: la fortuna.
La stessa fortuna che sarà necessaria anche più avanti per sopravvivere nell'Italia sotto il nazifascismo.
È intrecciando le loro storie fuori dall'ordinario, ricostruite attraverso i diari di Ferdinand e Gerty, e l'indagine storica sul contesto e sui fatti nei loro dettagli più minuti, che «In barba a H.» testimonia la forza della vita sull'orlo dell'indicibile abisso.
 
 Presentazione in occasione della giornata della Memoria  
Giovedì 26 gennaio alle 18 al METS - Museo etnografico trentino San Michele, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, in occasione della Giornata della Memoria, il libro «In barba a H.» di Oliviero Stock sarà presentato il con interventi musicali della T.T.T. (Trentino, Tirolo, Transilvania) klezmer band. A moderare la presentazione, oltreché a esibirsi con la band, sarà Renato Morelli. Il libro testimonia la forza della vita sull’orlo dell’indicibile abisso.
Il libro parte da una data, il 1938, quando Adolf Hitler entra a Vienna su una Mercedes scoperta, accolto dalla folla esultante. Da lì parte una narrazione storica romanzata che coinvolge una famiglia ebraica mitteleuropea. Tra accadimenti collettivi e vicende famigliari ne esce un quadro storico che consente di «mettere in fila» l’evolversi, spesso rapidissimo, degli eventi che contraddistinsero il periodo più brutale della storia europea. Una storia vera e immaginifica con un fattore determinante: la fortuna.


 
 Oliviero Stock  
È uno scienziato che studia l’intelligenza artificiale, in particolare di comprensione del linguaggio umano e interfacce intelligenti persona-computer.
È stato direttore dell’IRST, uno dei principali istituti europei di ricerca nel settore (ora Fondazione Bruno Kessler), presidente dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale, della European Association for Artificial Intelligence e dell’Association for Computational Linguistics. Nel 2019 ha ricevuto un dottorato honoris causa dall’Università di Haifa.
È autore di numerosi articoli e volumi scientifici e, nel 2018, è stato insignito con la massima onorificenza del Trentino: L’Aquila di San Venceslao.
 
 La T.T.T. klezmer band 
La formazione della T.T.T. klezmer band è composta da Renato Morelli alla fisarmonica, da Bice Morelli al violino, da Belinda Miggitsch al clarinetto, da Andrea Ruocco al contrabbasso e Matteo Scalchi alla chitarra e mandolino.
La musica Klezmer è quella popolare degli ebrei ashkenaziti. Ma il repertorio del T.T.T Project comprende brani tratti da documenti trentini della Sonnleithner-Sammlung (Vienna 1819), brani della tradizione musicale ungherese, tirolese e trentina.
Una musica «senza confini», curiosa e aperta, eseguita da una band «poliglotta» nel senso che studia e pratica diversi «linguaggi musicali».
Il T.T.T Project è stato fondato dall’etnomusicologo Renato Morelli, il progetto parte dal Trentino, transita dal Tirolo ed arriva in Transilvania, attraversando quelle comunità dell’Europa centro-orientale che facevano parte un tempo della stessa area culturale, molto variegata ma per certi aspetti omogenea, individuabile grosso modo nell’impero austro-ungarico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande