Home | Letteratura | Libri | «Tradizioni nelle vallate dolomitiche ladine» di Alessandro Norsa

«Tradizioni nelle vallate dolomitiche ladine» di Alessandro Norsa

Presentato in Regione l'atlante etnografico dei territori dei «Monti pallidi»

image

Cinque volumi, 1.450 pagine, 182 date calendariali, 144 approfondimenti tematici, 19 carte tematiche, 900 voci bibliografiche e quasi 8 anni di lavoro.
Sono i numeri della pubblicazione «Tradizioni nelle vallate dolomitiche ladine» realizzata dall'etnografo Alessandro Norsa ed edito dall'Istituto Ladino Micurá de Rü di San Martino in Badia con il sostegno della Regione autonoma Trentino-Alto Adige.

Presentato oggi in Regione, l'atlante etonografico offre un inedito ed interessante filo di Arianna a chi voglia avvicinarsi ai territori dei «Monti pallidi» per coglierne l'anima.
Oggetto dell'indagine, che ha comportato 147 interviste, non è la grande storia, ma il quotidiano, il calendario contadino e le piccole storie della gente, per scoprire le leggi più profonde e antiche secondo cui sono regolate le comunità ladine.   
«Un'opera molto importante – ha detto l'assessore regionale alle minoranze linguistiche Giuseppe Detomas nel corso della presentazione – uno dei capisaldi della produzione scientifica ladina che raccoglie una serie di tradizioni che sono alla base dell'identità ladina.
«Con questa indagine possiamo meglio comprendere le dinamiche e le contaminazioni della cultura ladina da parte delle tradizioni circostanti.
«Questa pubblicazione qualifica molto anche l'impegno della Regione nei confronti delle minoranze linguistiche – ha detto ancora Detomas – che si realizza grazie all'attività degli istituti culturali della Ladinia, con cui esiste, da anni, un rapporto di grande collaborazione, compreso quello di Colle Santa Lucia in provincia di Belluno.
«Gli istituti culturali, ha concluso Detomas - sono un prezioso strumento operativo, che ci consente di essere efficaci nelle nostre azioni.»
Alla presentazione era presente anche il direttore dell'Istituto Ladino Micurá de Rü, Leander Moroder che ha rimarcato quanto sia opportuna e strategica la collaborazione fra i diversi istituti culturali ladini.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande