Home | Letteratura | Libri | «Paesaggi di villa. Architettura e giardini nel Veneto»

«Paesaggi di villa. Architettura e giardini nel Veneto»

Venerdì 20 maggio la presentazione del volume a Villa de Mersi, Villazzano

image

Titolo: Paesaggi di villa. Architettura e giardini nel Veneto
Autori: Rallo Giuseppe; Cunico Mariapia; Azzi Visentini Margherita
 
Editore: Marsilio 2015 (collana Grandi libri illustrati)
Pagine: 301, illustrate, rilegato
Prezzo di copertina: € 70,00

Architettura, giardino, paesaggio; geometrie di campi, stradoni, muri di cinta, corsi d'acqua.
Sono gli elementi della fitta trama di rapporti istituiti nel tempo dalle ville storiche come centri generatori di veri e propri sistemi territoriali.
Ne dà conto il volume «Paesaggi di villa. Architettura e giardini nel Veneto», l'opera di Giuseppe Rallo, Mariapia Cunico e Margherita Azzi Visentini che sarà presentata il prossimo venerdì 20 maggio, alle ore 17.30, nella perfetta cornice di Villa de Mersi a Villazzano, con l'intervento degli autori e l'introduzione di Alessandro Pasetti Medin, funzionario della Soprintendenza per i beni culturali.
Organizzato con la collaborazione del Comune di Trento, l'appuntamento si collega al percorso di studio e valorizzazione dei giardini storici trentini avviato dalla Soprintendenza su questa affascinante declinazione del nostro patrimonio culturale.
A partire dalla metà del Quattrocento, il fenomeno della villa veneta si è intrecciato con l’evoluzione e il disegno del paesaggio, definendo, nell'arco di quattro secoli, veri e propri sistemi territoriali, leggibili ancora oggi.
 
E' questa la prospettiva inedita adottata da Giuseppe Rallo, Mariapia Cunico e Margherita Azzi Visentini nel volume «Paesaggi di villa. Architettura e giardini nel Veneto» (Marsilio, 2015).
L'opera sarà presentata il prossimo venerdì 20 maggio alle ore 17.30 nella perfetta cornice di villa de Mersi a Villazzano, fulcro di un giardino storico che è stato oggetto di un recente restauro su progetto della stessa Cunico.
L'appuntamento, organizzato con la collaborazione del Comune di Trento, vedrà l'intervento degli autori e l'introduzione di Alessandro Pasetti Medin, funzionario della Soprintendenza per i beni culturali e referente di un progetto di studio e valorizzazione dei giardini storici trentini che culminerà quest'autunno con la pubblicazione di un doppio volume di saggi e schede basate su una capillare campagna catalografica estesa a tutto il territorio provinciale.
Intanto, la recente pubblicazione veneziana esplora le relazioni tra la «casa di villa», il giardino e il paesaggio, variabili nel tempo in relazione alla morfologia dei luoghi, nel contesto di quel complesso fenomeno di appropriazione e ridisegno della terraferma che Venezia attua a partire dal XV secolo con bonifiche, deviazioni dei fiumi, regolazione delle acque.
Seguendo la storia e l'evoluzione di casi particolarmente significativi in cui la villa ha contribuito a dare forma a un paesaggio irripetibile - come i capolavori palladiani di villa Emo a Fanzolo di Vedelago e di villa Godi Maliverni a Lugo di Vicenza con la vicina Piovene Porto Godi, la seicentesca villa Barbarigo a Valsanzibio, o i grandi complessi settecenteschi di villa Pisani a Stra e di villa Trissino su disegno del Muttoni - il lavoro fa emergere una fitta trama di rapporti disegnati da acque, percorsi, geometrie dei campi, stradoni e muri di cinta.
 
In alcuni casi risalta però la fragilità di questo tessuto di relazioni che le trasformazioni attuate nel Novecento e quelle in corso mettono ancora a serio rischio di cancellazione.
L’ultima parte del libro affronta così alcune questioni fondative che possano individuare metodi e strategie di tutela, di progetto e di gestione intesi come preziose occasioni di riqualificazione e valorizzazione anche di un territorio e della sua storia.
A questo proposito sono analizzati alcuni recenti interventi di tutela e di buon governo su complessi quali villa Pisani a Stra, villa Badoer a Fratta Polesine, villa Ca' Tron a Roncade, villa di Rovero Bonotto a San Zenone degli Ezzelini e villa Minelli a Ponzano Veneto.
Il risultato, sostanziato da documenti cartografici storici in gran parte inediti e da fondamentali fotografie aeree storiche, a confronto con le riprese zenitali realizzate appositamente e di grande impatto, è dunque una lettura innovativa della villa veneta come elemento ordinatore del disegno di un paesaggio storico di acqua e di terra; ma anche un repertorio di metodologie e di buone pratiche di interesse generale che si offre al necessario confronto tra storici, amministratori, architetti del giardino e del paesaggio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande