Home | Letteratura | Libri | Il diario di Giulio Costa diventa un libro e una canzone

Il diario di Giulio Costa diventa un libro e una canzone

«La partenza di molti, il ritorno di pochi. Il mio diario di prigionia» sarà presentato alle 20.30 di sabato 30 marzo in teatro a Vallarsa a S.Anna

image

Titolo: La partenza di molti, il ritorno di pochi. 
            Il mio diario di prigionia

 
Autore: Giulio Costa
Editore: New Book 2019
 
Pagine: 144, Brossura
Prezzo di copertina: € 16 
 
La storia di prigionia di Giulio Costa, di Vallarsa, raccontata nel suo diario, diventa un libro.
Sabato 30 marzo alle 20.30 nel teatro comunale di Vallarsa a S.Anna, il Coro Pasubio e il Comune di Vallarsa presenteranno il volume che racconta il calvario del proprio concittadino reduce della seconda guerra mondiale.
Una storia tragica, rimasta nei ricordi di Giulio, che nel 2000 è diventato un diario scritto a mano su un quaderno passato ad amici e vicini di casa.
Oggi, grazie alla volontà dei familiari, allo stimolo del Coro Pasubio nel quale ha cantato diversi anni e con il sostegno economico del Comune di Vallarsa è diventato un libro edito da NewBook edizioni di Rovereto.
Aveva 19 anni Giulio Costa quando il 3 gennaio 1941 si dovette consegnare al Distretto Militare di Trento, lasciando la sua casa a Costa di Vallarsa per andare in guerra.
 
Dal Pasubio che lo ha visto nascere si è trovato sull’isola di Corfù l’8 settembre 1943 quando, tra il sentimento comune che la guerra sarebbe presto finita, è iniziato il suo calvario.
Fatto prigioniero dai tedeschi era sulla nave «Mario Rosselli» quando fu silurata ed affondata e si salvò solo perché non sapendo nuotare rimase aggrappato ai pezzi della nave.
Catturato, iniziò un lungo viaggio di lavori forzati, fame, violenza e soprusi che lo portò in Grecia, Ungheria Polonia, Russia, Lituania, Germania prima del ritorno a casa a guerra finita.
Strazianti le pagine del racconto che illustra la violenza gratuita che i soldati tedeschi avevano verso i loro colleghi ex alleati e ora prigionieri, già lasciati a lavorare di fatica nutriti solo da brodo di rape.
Giulio Costa ha portato dentro se questa storia lui, partito ragazzo dal paesino di Vallarsa, si è trovato in mare e in giro per l’Europa potendosi salvare aiutato dalla fede e dall’esperienza dei lavori in malga che lo ha aiutato a sopravvivere nei momenti bui.
 
Ancora oggi, a quasi 98 anni, ricorda quei giorni bui e li condivide con le nuove generazioni.
Grazie al Coro Pasubio che con la biblioteca comunale e il Comune di Vallarsa hanno voluto fortemente questa pubblicazione, la storia di Giulio viene condivisa al pubblico ed è un messaggio per i ragazzi.
Ed ora è anche una canzone. Ivan Cobbe, leggendo la storia ha scritto la canzone «Diario» che il suo Coro Pasubio sta portando nei propri concerti e canterà, per Giulio, il 30 marzo.
«Troppo spesso, ancora oggi si parla a vanvera della guerra – dice il sindaco di Vallarsa Massimo Plazzer – ma Giulio ci insegna che la guerra è qualcosa di terribile, e a rimetterci sono sempre gli uomini. Leggere questa storia mettendo al protagonista il volto di Giulio che tutti conosciamo deve servire a far riflettere soprattutto i più giovani. Per questo alla presentazione, inviteremo i ragazzi della Vallarsa ai quali sarà donata una copia del libro.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone