Home | Letteratura | Poesia | Omaggio a Dante, cantore delle terre del Grana Padano

Omaggio a Dante, cantore delle terre del Grana Padano

Il Consorzio di Tutela partecipa alla celebrazione del Sommo Poeta nel Dantedì

«Suso in Italia bella giace un laco / a piè de l’Alpe che serra Lamagna / sovra Tiralli, c’ha nome Benaco»: così nel ventesimo canto dell’Inferno Dante Alighieri descrive il Lago di Garda, per congiungerlo, pochi versi dopo, al cuore della pianura: «Tosto che l’acqua a correr mette co/non più Benaco, ma Mencio si chiama/ fino a Governol, dove cade in Po.»
Celebrando il loro cuore d’acqua, il Sommo Poeta dunque cantò quelle terre che esule lo accolsero e dove, alla sua epoca, da oltre un secolo contadini e nobili portavano sulle tavole povere e ricche il «formai de grana», inventato dai monaci benedetti all’Abbazia di Chiaravalle nel 1135, e che oggi è il Grana Padano, il formaggio DOP più consumato nel mondo con oltre 5,2 milioni di forme prodotte.
È una storia comune, dunque, che il Consorzio Tutela Grana Padano rievoca e celebra nel Dantedì, il 25 marzo, scelto a sette secoli dalla scomparsa di Dante per rendergli omaggio nel giorno in cui lui fece iniziare il viaggio della Divina Commedia nel 1300.
 
«Siamo tutti suoi debitori – spiega Stefano Berni, Direttore Generale del Consorzio Tutela Grana Padano – Ha plasmato la nostra lingua, il primo segno di identità di una comunità, che solo sei secoli più tardi sarebbe diventata nazionale. Nel viaggio scandito dalla cultura religiosa del suo tempo dà nomi e volti a idee, convinzioni, dogmi e superstizioni, mettendo insieme vicende e storie che da sette secoli sono ancora riferimento attraverso i suoi versi in tante riflessioni sul nostro tempo. E l’ultimo verso della Divina Commedia – “E quindi uscimmo a riveder le stelle” -, nell’Italia e nel mondo di oggi alle prese che una delle più grandi tragedie che le ultime generazioni ricordino, è più di una speranza e risuona come un impegno. Celebrare Dante significa dunque ritrovare le nostre radici e coltivarle, con orgoglio e convinzione, dimostrandocene fieri e degni nel nostro lavoro.»
 
A fine estate, in occasione dell’anniversario della morte che risale al 13 settembre 1321, il Consorzio Grana Padano patrocinerà le iniziative celebrative nell’ambito del Festivaletteratura di Mantova.
«Puntiamo a valorizzazione il legame tra il suo capolavoro e un bene della cultura alimentare e sociale, entrambi nati tra le Alpi e gli Appennini e lungo il Po – spiega il direttore generale del Consorzio, – e divenuti planetari.»
Dal Monviso al Mare Adriatico, attraverso territori oggi di Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto ed Emilia Romagna, Dante racconta il suo tempo, le città e le genti che lo ospitarono, esule per le sue idee, in un vagare inquieto.
«Invitiamo a riflettere su quell’accoglienza, che già allora era nella sensibilità delle nostre comunità – conclude Berni – e a cercare i segnali di uno spirito che rendono Dante eterno ed ancora attuale.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni