Home | Interno | Presentati oggi i 12 nuovi veicoli di 118 Trentino emergenza

Presentati oggi i 12 nuovi veicoli di 118 Trentino emergenza

Si tratta di 10 nuove ambulanze e le 2 auto sanitarie che sostituiranno altrettanti vecchi veicoli completando il parco di 43 macchine

image

Presentate oggi le 10 nuove ambulanze e le 2 nuove auto sanitarie acquistate con un sostanzioso finanziamento dall’Apss, queste nuovi mezzi vanno a sostituire altrettanti veicoli che hanno percorso in questi anni una media di 200 mila km e che si può ben dire hanno dato «tutto quello che potevano percorrendo strade su strade al servizio della comunità trentina».
 
Un caloroso ringraziamento da parte del direttore generale dell’Apss Luciano Flor «a tutti coloro che lavorano su questi mezzi e a coloro che consentono un miglioramento delle tecnologie rendendo in questo modo un servizio importante alla nostra comunità soprattutto in un contesto come quello di adesso e cioè di grande difficoltà per quanto riguarda il servizio sanitario nazionale».
«Mezzi nuovi e efficienti che affiancheranno il parco macchine del 118, dimostrando con il loro lavoro una grande attenzione ai territori periferici in una logica di soccorso h 24 non solo in emergenza ma anche per il trasporto programmato.»
 
Anche per l’assessore alla salute e alle politiche sociali Ugo Rossi ha ringraziato gli operatori.
«È un sentito ringraziamento che va agli attori e operatori del 118, operatori di grande professionalità, presentando oggi un grande investimento fatto per la salute di tutti i cittadini.»
 
«Questa è solo una parte di questo investimento – continua Rossi, – che prevede per il 2013 l’attuazione del progetto, ora in fase di studio, del volo notturno dell’elisoccorso e il rafforzamento della rete dell’emergenza tra gli ospedali di Trento e Rovereto e gli ospedali di valle.
«Un sistema, quello del 118, che si caratterizza per l’ottimo livello e per la qualità del servizio di livello sicuramente europeo.»
 
Anche il vicesindaco Paolo Biasioli, sottolinea «l’importanza del lavoro di tutti i professionisti coinvolti nell’attività di soccorso, ringraziandoli anche a nome di tutta la città».
«La nostra Provincia autonoma non vuole chiudere le porte al futuro, interviene il Vescovo di Trento Monsignor Luigi Bressan, ma sviluppa una visione del futuro investendo coraggiosamente in servizi per il bene della popolazione.
«Un ringraziamento a tutti, prima della benedizione, ricordando che andate e sanate è una frase che dà un significato profondo al lavoro di chi si prodiga a tutti i livelli per dare aiuto e assistenza.»
 
«I mezzi sono sempre più moderni, conferma Alberto Zini, direttore del 118 Trentino emergenza, ed il personale sempre più formato per rispondere alle esigenze del nostro territorio in termini di soccorso, ecco alcuni dati: 180 mila richieste annue, 39 mila di emergenza, 69 mila i trasporti intraospedalieri e 100 richieste al giorno di informazioni.»
 
Uguale soddisfazione per Claudio Ramponi, direttore del Pronto Soccorso dell’ospedale S.Chiara di Trento e del dipartimento di emergenza, riaffermando «la certezza e la voglia di tutti di dare ogni giorno il massimo per l’assistenza a tutti i cittadini in ogni parte del territorio provinciale».
 
Ed ecco dunque l’attenzione sul piazzale ai nuovi mezzi, arrivato il tempo di dismettere e sostituire con vetture moderne, avanzate con equipaggiamenti sofisticati e adeguati ai tempi, le vecchie ambulanze. .
Presentate anche le 2 nuove auto sanitarie che affiancheranno le attuali 4 per un impiego sempre maggiore. Vale la pena ricordare che a bordo delle auto sanitaria si trova un tecnico e un medico con equipaggiamento necessario per il soccorso, naturalmente senza il lettino e serve a portare sul posto un’équipe di soccorso avanzato con un medico o un infermiere di emergenza.
 
Normalmente all’auto sanitaria si affianca l’ambulanza. Per quanto riguarda l’ambulanza l’equipaggio è formato da due tecnici di base, o da un tecnico e da un infermiere di emergenza, l’equipaggio è impiegato in modo differenziato in relazione alla criticità dell’evento, criticità che viene stabilita dalla centrale operativa.
Sulle ambulanze c’è tutto il materiale necessario per il recupero, il trasporto e il trattamento del paziente nonché dispositivi di protezione per il personale.
 
In merito alla dotazione organica del 118 Trentino emergenza, oltre al direttore Alberto Zini, ci sono 10 medici, 98 infermieri di cui 40 lavorano nella centrale operativa e 134 tecnici.
Gli infermieri di emergenza turnano anche sui mezzi di soccorso, dall’ambulanza, all’auto sanitaria all’elisoccorso.
Un ulteriore novità, è in arrivo a breve, attualmente in corso di allestimento, un ambulanza speciale a doppio assetto, adatta anche al trasporto di pazienti con bisogni speciali come ad esempio i pazienti affetti da SLA.

Chi volesse leggere maggiori dettagli può farlo tramite questo link

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone