Home | Sapori | Vino Trentino | A Vinitaly Endrizzi fa il pieno di visitatori e presenta MasettoDue

A Vinitaly Endrizzi fa il pieno di visitatori e presenta MasettoDue

A Verona la Cantina fa il pieno di visitatori e presenta il nuovo vino fatto con 2 vitigni, lavorati con due tipi di vinificazione e ispirato dai due figli Lisa e Daniele Endrici

image

Soddisfatti Paolo e Christine, titolari dell’azienda, per l’esito della 48ª edizione di Vinitaly, un appuntamento ricco di stimoli: tantissimi i visitatori, molti nuovi stranieri, ottime opportunità di contatto e pubbliche relazioni che hanno aperto anche nuovi mercati per la cantina di San Michele all’Adige.
Paolo e Christine Endrici sono più che soddisfatti.
«Un Vinitaly decisamente molto frequentato - affermano - come non lo ricordavamo da anni. Lo stand Endrizzi è stato letteralmente preso d’assalto soprattutto nelle giornate di domenica e di lunedì. Ricche le occasioni di nuovi contatti; ora ci ritroviamo persino «contesi» tra più buyers in paesi come Giappone e Russia, mentre la lista degli amici italiani si allunga fino alla Sicilia.»
 
Due i temi fondanti di Endrizzi a Vinitaly : il nuovo vino «Masetto Due», blend di due uve rosse da tempo preziose per il terroir della cantina, ovvero Teroldego e Cabernet Sauvignon.
Lisa Maria e Daniele, i due figli di Paolo e Christine e quinta generazione della famiglia Endrici, studenti in economia e marketing del vino all’Università di Geisenheim in Germania, hanno dato lo stimolo ai due enologi della cantina, Vito Piffer e il consulente Hartmann Donà, per creare un vino moderno e importante ma senza l’uso della barrique.
 
Da questa ricorrenza di «dualità» è nato il nuovo vino che ha riscontrato un successo di pubblico immediato.
«Il secondo tema che abbiamo voluto comunicare sia a ProWein che a Vinitaly è il nostro claim Masetto, terroir di famiglia –afferma Christine Endrici. - E’ arrivato per noi il tempo di evidenziare il luogo da dove arrivano i vini più importanti: è uno dei nostri vigneti più belli. Vogliamo comunicare che Masetto è la linea che ci identifica, che rievoca la nostra storia e propone interpretazioni peculiari del nostro modo –anche non convenzionale- di intendere il vino.»
 
Al Concorso Enologico di Vinitaly il vino di punta della cantina, il Teroldego Gran Masetto 2009, è stato nuovamente premiato con una Medaglia, nella categoria più ambita: quella dei vini con oltre 4 anni di invecchiamento.
È straordinario che un vino autoctono trentino surclassi, secondo una giuria internazionale, vini rossi storicamente blasonati di regioni come Toscana, Piemonte e Veneto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni