Home | Economia e Finanza | Commerciale | C’era una volta Hugo. E c’è ancora, l’unico e l’originale

C’era una volta Hugo. E c’è ancora, l’unico e l’originale

La vera storia di «Hugo Spritz», l’aperitivo che mescola le bollicine ai sapori morbidi e vellutati

image

L'estate se ne è andata, ma resta la voglia del sole e del relax. All'interno di questo quadretto perfetto va a consolidarsi ormai e sempre con maggiore successo, una novità made in Dolomites, un drink che dopo aver conquistato tutti i nostri conterranei ora fa breccia anche nel cuore dei turisti che scelgono la nostra regione per le proprie vacanze.

Di cosa stiamo parlando? Di uno spritz particolare, dal nome «Hugo».
Se vi aspettate però il classico colore arancione, legato all'aperol, siete sulla strada sbagliata, Hugo ha un colore molto più naturale, trasparente con una sfumatura di giallo verde.
Andiamo però nel dettaglio per capire dove e come nasce.
Per capire il tutto nel dettaglio ci siamo dovuti spostare in Val di Fassa, anzi, per essere precisi, in un rifugio posto ad oltre 2.000 metri d'altitudine, proprio là dove una decina d'anni fa è nata questa miscela deliziosa.
Dopo un po’ di domande e una ricerca, che via via si è fatta sempre più approfondita, abbiamo infatti scoperto che l'ideatore del drink è Filippo Debertol, figlio della famiglia che da tempo gestisce il rifugio, un ragazzo giovane (classe 1981) che da ragazzino, mentre i genitori servivano ai tavoli, ha cominciato a mescolare lo sciroppo di sambuco, con il vino, l'acqua frizzante e la menta.
 
La ragione? È semplice. Nei lunghi tempi morti accadeva che Filippo trascorresse del tempo con un anziano signore amante della montagna di nome Hugo, un signore che ogni anno puntualmente faceva visita al rifugio portando con sé una bottiglietta di sciroppo fatto con i fiori di sambuco (foto in bassi) da lui stesso raccolti.
Filippo si divertiva a provare assieme a lui dei mix fino a quando ha trovato quella ricetta che poi è diventata ufficiale, l'originale.
Tanti anni sono passati e quel vecchino ormai non c'è più, ma lui in qualche modo vive ancora attraverso il nome che Filippo, in suo onore, ha voluto dare a questa bevanda che ora è pronta per essere gustata da tutti voi.
Un altro pezzo del Trentino da bere.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Viaggioblog 04/06/2018
Sono appena tornato da Bolzano e devo dire che l'Hugo è proprio un ottimo aperitivo, molto meglio dello spritz.
Thumbs Up Thumbs Down
2
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone