Home | Interno | Salute | Convegno «La medicina di precisione è il futuro della medicina»

Convegno «La medicina di precisione è il futuro della medicina»

Per alcune malattie le terapie personalizzate sono già realtà. I ricercatori di Eurac si confrontano con pionieri della medicina di precisione di tutto il mondo

image

>
Oggi la terapia per alcuni casi di cancro si decide in base al profilo genetico del paziente.
Nei prossimi anni questo approccio personalizzato caratterizzerà sempre di più la diagnosi e la terapia di molte malattie.
In Alto Adige è il Centro di biomedicina di Eurac Research a fare ricerca in questa direzione.
In un congresso di due giorni i ricercatori hanno discusso con i pionieri a livello mondiale della medicina di precisione nuove vie per la ricerca e per la pratica clinica.
 

 Si aprono nuovi approcci per la terapia 
Nei geni si trovano le cause di molte malattie, ma soprattutto le informazioni che permettono di capire come si sviluppano, con quali caratteristiche e come il corpo può rispondere a determinati trattamenti.
Oggi anche i medici possono accedere a questa conoscenza e tradurla nella pratica clinica.
Per alcuni tipi di cancro al seno, ai polmoni e di melanoma è possibile analizzare il genoma delle cellule cancerose e scegliere, in presenza di determinate caratteristiche, una terapia farmacologica più efficace.
«Questo approccio non è una previsione, ma è già iniziato. Nei prossimi anni la pratica clinica in tutti gli ambiti andrà sempre di più verso la medicina di precisione con effetti importanti sulla salute dei pazienti» spiega il neurologo Peter Pramstaller (foto seguente) che dirige il Centro di biomedicina di Eurac Research.
 
«Il futuro della medicina è nella conoscenza: come è fatto il DNA, di quali lettere e quali differenze tra un individuo e un altro. Questa conoscenza è un processo che non deve mai fermarsi perché l’evoluzione fa cambiare continuamente il nostro DNA quindi non si sa mai abbastanza» ha sottolineato Elena Cattaneo, senatrice a vita e direttrice del Laboratorio di biologia delle cellule staminali e farmacologia delle malattie neurodegenerative di Milano.
La malattia di Huntington che la ricercatrice studia con la sua equipe di Milano è un esempio di questo approccio basato sulla conoscenza continua.
Studiando il gene per decenni, la comunità scientifica ha scoperto quali caratteristiche determinano la malattia e il momento in cui si presenterà nella vita del paziente.
 
 
 
 Cause genetiche dell’arresto cardiaco sotto la lente della ricerca in Alto Adige 
Eurac Research e i cardiologi degli ospedali di Bolzano e Trento stanno lavorando insieme per migliorare il trattamento di pazienti con rischio elevato di arresto cardiaco e anche in questo campo la genetica inizia ad avere un ruolo fondamentale.
La terapia attuale è l’impianto di un mini-defibrillatore nel cuore del paziente che riconosca in automatico le aritmie e le condizioni che portano a un arresto cardiaco e intervenga con un impulso elettrico prima che questo avvenga.
Da un esame dei pazienti a cui è stato impiantato il defibrillatore è emerso che in sette casi su dieci l’apparecchio non è mai servito e un esame genetico ha confermato che questi pazienti non hanno una predisposizione genetica allo sviluppo di un arresto cardiaco.
I ricercatori stanno ora testando se l’esame del profilo genetico possa diventare un criterio fondamentale per scegliere i pazienti a cui impiantare il defibrillatore.
 
 In Alto Adige ci sono le basi per la medicina di precisione 
I ricercatori di Eurac Research hanno contribuito a importanti scoperte come i geni responsabili della morte cardiaca improvvisa, dell’insufficienza renale, della sindrome delle gambe senza riposo.
Per queste analisi il Centro conta su un laboratorio dotato delle più avanzate tecnologie per la ricerca genetica e per lo studio della biologia molecolare.
Il Centro di biomedicina è stato fondato insieme all’Azienda sanitaria e oggi ospita statistici, informatici, biologi e medici ospedalieri che lavorano in consorzi internazionali.
«Anche in Alto Adige il futuro della medicina di precisione è già iniziato e noi abbiamo messo le basi per questo processo. Ora cerchiamo nuovi impulsi confrontandoci con i pionieri a livello mondiale in questa disciplina» così Peter Pramstaller spiega l’obiettivo del convegno internazionale «The road to the future: biomedical research paving the way towards precision medicine» organizzato in occasione dei 15 anni del Centro di biomedicina.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone