Home | Interno | Rovereto | Oggi il seminario di chiusura del progetto europeo «I-locate»

Oggi il seminario di chiusura del progetto europeo «I-locate»

E' dedicato ai risultati ottenuti dalla sperimentazione effettuata all’ospedale di Rovereto sulla localizzazione di cose e persone all’interno dei contesti sanitari

I-locate (Indoor/outdoor LOCation and Asset management Through open gEodata) è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nel 2013, con un contributo di 2,36 milioni di euro, ripartiti su 25 partner pubblici e industriali.
Per il Trentino hanno partecipato l’Azienda provinciale per i servizi sanitari, la Fondazione Bruno Kessler con il ruolo di partner tecnologico a sostegno delle attività sperimentali e Trilogis un’impresa locale leader nell’ideazione e fornitura di soluzioni per la geolocalizzazione.
L’ospedale Santa Maria del Carmine di Rovereto ha avuto il compito di sviluppare uno dei progetti pilota di i-locate per sperimentare, nel contesto sanitario, le tecnologie per la localizzazione indoor.
Nel corso della presentazione di oggi, Giandomenico Nollo, responsabile del gruppo di ricerca clinica (IRCS) di FBK, ha portato l’attenzione «sulle specificità dell’ospedale e sulle potenzialità offerte dai sistemi Location Based Service (LBS) nella ricerca di oggetti e indirizzi in questo contesto.»
 
«L’ospedale – ha detto Nollo – è una struttura complessa che svolge un ampio ventaglio di funzioni in cui giornalmente migliaia di persone si muovono e lavorano. Consentire al visitatore di orientarsi per raggiungere nel modo più veloce possibile le diverse aree, limitare l’accesso a quelle critiche, gestire eventuali emergenze, reperire il professionista più vicino, sono solo alcune delle funzioni che possono cambiare in meglio la fruizione e la capacità funzionale dell’ospedale. Ma l’ospedale è anche un grande contenitore di tecnologie e dispositivi, spesso in movimento da un ambulatorio ad un altro, da un piano all’altro e le funzioni di localizzazione interna consentono di gestire al meglio queste tecnologie, garantendo il loro pieno utilizzo, la manutenzione e proteggendole dai furti. I risultati del progetto costituiscono un considerevole avanzamento nello sviluppo di sistemi per la localizzazione e la navigazione dentro gli edifici. Il progetto ha definito lo standard per lo scambio e la condivisione delle mappe interne, ha realizzato un’applicazione software per gestire soluzioni interoperabili di navigazione combinata outdoor-indoor e una piattaforma per l’archiviazione e l’uso delle mappe interne degli edifici conforme agli standard, open source e accessibile gratuitamente.»
 
«Con i-locate – ha sottolineato Giuliano Mariotti responsabile scientifico del progetto – abbiamo sperimentato solo alcuni casi modello come la navigazione dell’utente che deve raggiungere un ambulatorio per una visita programmata o il sistema di gestione delle carrozzine in dotazione all’ospedale e il loro recupero all’interno della struttura. La sperimentazione ci ha consentito di venire in contatto e toccare con mano una tecnologia avanzata e confrontarci con altre realtà europee, facendo nascere nuove idee e soluzioni e così alcune prime applicazioni, come ad esempio la gestione dei dispositivi elettromedicali nei blocchi operatori, sono divenute realtà operative.»
Massimo Barozzi, direttore tecnico di Trilogis ha evidenziato «Lo sviluppo di una piattaforma per la condivisione di dati geografici relativi a spazi interni e la scelta delle tecnologie di rilevamento, sono i primi due problemi che abbiamo affrontato con i-locate, scelte queste che devono essere condivise e divenire standard internazionale, altrimenti potremmo essere bravissimi a muoverci dentro un edificio, ma poi incapaci di connetterci ai sistemi disponibili in quello attiguo. Il consorzio ha quindi sviluppato le diverse soluzioni informatiche per la sperimentazione in diversi contesti operativi quali ospedali, musei, edifici amministrativi.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Melvina 04/01/2017
I never thought I would find such an everyday topic so enhtarlling!
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone