Home | Interno | Trento | Caso importato di Dengue: attivate a Trento le misure di profilassi

Caso importato di Dengue: attivate a Trento le misure di profilassi

La Dengue è una malattia infettiva, simile all’influenza, che è trasmessa solo dalle punture di zanzara

È stato segnalato nel quartiere San Pio X un caso di Dengue d’importazione, in un cittadino residente a Trento rientrato da un viaggio in un paese del sud est asiatico.
La Dengue è una malattia infettiva, simile all’influenza, che è trasmessa solo dalle punture di zanzara.
Non si trasmette mai direttamente da persona a persona e normalmente ha un decorso benigno, con una fase febbrile che dura circa una settimana e una terapia di tipo sintomatico che serve soprattutto a ridurre la febbre e i dolori muscolari.
 
La malattia è pressoché assente in Italia e nel Trentino, ma molto frequente in alcune aree del pianeta, soprattutto nel sud-est asiatico, per cui non è raro il riscontro di persone che contraggono la malattia nei paesi delle aree a rischio e che sviluppano i sintomi al rientro dal loro viaggio.
In questi casi, il rischio di diffusione della malattia tramite le zanzare presenti sul nostro territorio (soprattutto la zanzara tigre) è basso, ma non può essere escluso.
 
Il Ministero della salute, in presenza di un caso di importazione, ha previsto alcune azioni cautelative, tra cui gli interventi per limitare la diffusione di vettori (zanzare) dall’area ove risiede la persona colpita, da mettere in atto per prevenire l’insorgenza dei cosiddetti casi «secondari».
Per questi motivi sarà effettuato un trattamento di disinfestazione contro le zanzare giovedì 13 luglio a partire dalle ore 6.30 circa.
La zona d’intervento comprende le vie Muredei, San Pio X, Zandonai e Martini.
 
Le operazioni di disinfestazione avverranno solamente nelle aree ove è strettamente necessario (giardini e parchi pubblici e privati).
L’intervento prevede l’utilizzo di prodotti contro le zanzare, ad azione insetticida, che non rappresentano un rischio per le persone e per gli animali.
È comunque raccomandabile, a titolo precauzionale, chiudere le finestre durante l’intervento effettuato nelle vicinanze della propria abitazione ed evitare l’ingresso di persone e animali nelle aree interessate dal trattamento per un periodo di circa 5-6 ore dallo stesso.
 
Per limitare il proliferare della zanzara tigre, come di altre, è importante anche la collaborazione della cittadinanza nella gestione delle riserve d’acqua presenti nelle abitazioni e nei giardini privati (vasche, fontane, sottovasi...) attraverso l’uso di prodotti larvicidi da utilizzarsi una volta a settimana, per circa tre settimane.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero verde 848 806 806 ProntoSanità, disponibile da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 15.30.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni