Home | Eventi | Natale 2017 | Babbo Natale, un cappello rosso tra tradizioni e segreti

Babbo Natale, un cappello rosso tra tradizioni e segreti

Meglio pensarci subito. Alla fin dei conti, mancano solo quattro mesi per il Natale…

image

>
Felicità, Amore, Pace, Famiglia, questi sono alcuni degli elementi principali che definiscono questo giorno, il 25 Dicembre.
Meglio noto come Natale, ma il Natale cos’è?
In base alla cultura in discussione può assumere diverse definizioni. Per esempio nella tradizione cristiana celebra la nascita di Gesù a Betlemme da Maria.
Il racconto ci è pervenuto attraverso i vangeli, che narrano l’avvento di diversi avvenimenti. Tra cui, l’annuncio dell’angelo Gabriele, l’adorazione dei pastori e la visita dei re magi.
 
Nel corso dell’ultimo secolo, con il progressivo secolarizzarsi dell’Occidente e in particolar modo dell’Europa settentrionale, il Natale ha continuato a rappresentare un giorno di festa anche per i non cristiani, assumendo significati diversi da quello religioso.
Il Natale viene vissuto come una festa legata alla famiglia, alla solidarietà, allo scambio di regali e soprattutto alla figura di Babbo Natale.
Tra i costumi, le pratiche e i simboli familiari del Natale, sono presenti il presepe, l’albero natalizio, la figura di Babbo Natale e lo scambio di auguri e doni.
 
L’albero di natale viene addobbato con piccoli oggetti colorati, luci, dolciumi, regali impacchettati e tanto altro.
Al tempo stesso la festa del Natale, con connotazioni di tipo secolare-culturale, ha conosciuto una crescente diffusione in molte aree del mondo, estendendosi anche in Paesi dove i cristiani sono piccole minoranze, come in India, Pakistan, Cina, Taiwan, Giappone, Malesia.
 
 Chi è Babbo Natale? 
Babbo Natale è una figura presente in diverse culture e viene rappresentato come un uomo anziano, grasso, buffo e avente una folta barba bianca.
Dotato di un gran cuore, il cui compito è di distribuire doni di regalo ai bambini, di solito la sera della vigilia di Natale.
Amato dai più piccoli viene riconosciuto per via del suo abito, caratterizzato da un’alternarsi tra rosso e bianco. I bambini avendo una mente più libera e vivendo il presente e l’attimo senza lasciarsi condizionare dal passato fanno attenzione ad ogni minimo particolare.
Essi lo riconoscono per via di dettagli come: il colore, gli stivali, il sacco pieno di doni, la barba e il cappello.
Secondo la storia vive al Polo Nord, in compagnia dei suoi compagni più fedeli, le sue renne e gli elfi.
 
 L’elemento che più di tutti sembra identificare Babbo Natale è il cappello rosso! 
D’altronde come i personaggi storici, il cappello sembra esser un’elemento che contraddistingue la persona e aiuta a riconoscerla.
Il cappello di Babbo Natale è rivestito di un tessuto morbido, leggero, e creato appositamente per tener la propria testa al caldo durante il lungo inverno. 
Proprio come nella vita reale, la semplicità non viene mai apprezzata. 
Poter scegliere o poter decidere, resta una necessità a cui l’essere umano non è disposto a rinunciare.
 
Per questo motivo è sempre importante avere diverse opzioni, proprio perchè ognuno di noi è fatto a modo suo e soddisfare le richieste di tutti è alquanto difficile.
Per questo motivi i grandi produttori di merchandising offrono questo gadget natalizio in tantissimi diversi colori, al di fuore di quello a cui siamo abituati a vedere in tv e nelle storie.
È il caso del negozio www.cappellodibabbonatale.com il quale propone una gamma di cappellini natalizi molto variegata.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone