Home | Eventi | A «Fa’ la cosa giusta!» anche il Museo degli usi e costumi

A «Fa’ la cosa giusta!» anche il Museo degli usi e costumi

In bella mostra le pubblicazioni a tema etnografico curate e alcune splendide maschere in legno del carnevale alpino – Di Sandra Matuella

A «Fa’ la cosa giusta!» c’era anche lo stand del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige, con in mostra le pubblicazioni a tema etnografico curate dal museo e alcune splendide maschere in legno del carnevale alpino, con i relativi costumi coloratissimi, per la gioia di grandi e bambini.
Eccellente museo dell’uomo della montagna alpina, fondato nel 1968 da Giuseppe Sebesta nella sede della antica Prepositura Agostiniana di San Michele, è diretto da Giovanni Kezich ed è uno dei maggiori istituti europei di conservazione etnografica, dedicato alla cultura materiale e alla tecnologia del sistema agro-silvo-pastorale tradizionale.
Poi ci sono le lavorazioni artigianali del legno, del rame, del ferro, della ceramica, dei tessuti, e grande rilevanza hanno anche gli aspetti legati alla socialità e all’identità locale: costumi tradizionali, riti, musica e devozioni popolari.
 
Nel precedente articolo dedicato a «Fa’ la cosa giusta!», abbiano brevemente analizzato la storia di tre giovani imprenditori che per trovare la loro strada professionale hanno guardato al passato: Giulia e Leonardo della «Biocesta del Gusto», ispirandosi ai loro nonni e ai metodi tradizionali di agricoltura biologica, hanno avuto l’intuizione di collaborare con gli agricoltori del territorio per portare in negozio la tradizione del mercato in piazza della frutta e verdura fresca; Mattia per la sua azienda di biocosmesi «Tre Cime Monte Bondone», ha studiato le antiche pratiche legate alle erbe officinali e alle terme mentre Agitu per la sua azienda «La Capra Felice», fonde addirittura due tradizioni agro-casearie lontane, quella africana con quella mochena.
 
Il Museo degli Usi e Costumi di San Michele, che non a caso è vicino al prestigioso istituto agrario della Fondazione Mach, è quanto di più lontano da un museo-contenitore di oggetti inerti da contemplare, magari con un pizzico di nostalgia: la concezione evoluta che sta alla base di questa importante istituzione basata su percorsi dinamici all’interno di un ricco patrimonio di tradizioni, di partiche materiali unite a valori spirituali che connotano l’intero Arco Alpino, è tale al punto che potrebbe costituire, specie per chi è in cerca di ispirazione professionale, un prezioso scrigno dove trovare insegnamenti antichi e spunti concreti per aprire strade nuove.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone