Home | Economia e Finanza | Ricerca e innovazione | La Provincia di Bolzano assegna il Premio della ricerca 2017

La Provincia di Bolzano assegna il Premio della ricerca 2017

Il Premio, riservato a ricercatori under 40, è stato attribuito al bolzanino Christian Fuchsberger dell’Istituto di biomedicina EURAC

image

>
Assegnato oggi dalla Giunta provinciale all’ingegnere informatico e ricercatore dell’EURAC Christian Fuchsberger il Premio di ricerca dell’Alto Adige.
Il premio, del valore di 40mila euro, viene conferito ogni due anni a un ricercatore under 40 che ha già svolto eccellenti attività di ricerca e dal quale si attendono ulteriori importanti risultati nel corso della carriera scientifica.
Per il Premio 2017 sono pervenute 31 domande e la decisione della Giunta di conferire il premio a Fuchsberger poggia sulla valutazione di una giuria specialistica.
Christian Fuchsberger, nato a Bolzano nel 1978, lavora all’EURAC dal 2005: prima all’Istituto di medicina genetica, poi all’Istituto di biomedicina come ricercatore senior.
La sua attività si concentra sull´informatica applicata alle scienze mediche e biologiche ed è riconosciuta a livello internazionale, come dimostrano la sua collaborazione pluriennale con l´Università del Michigan e le 72 pubblicazioni scientifiche.
 
In particolare ha svolto ricerche sulla produzione di metodi statistici e software ora ampiamente utilizzati dalla comunità scientifica della genetica per scoprire geni e varianti che determinano le malattie.
I premi per promuovere la ricerca scientifica sono previsti dalla legge provinciale sulla ricerca e l'innovazione, «con l’obiettivo di finanziare e valorizzare le attività di ricerca portate avanti sul territorio altoatesino», ha ricordato il presidente Arno Kompatscher.
Il premio di ricerca dell'Alto Adige, nato nel 2013 e giunto alla sua terza edizione, viene assegnato a cadenza biennale dalla Giunta e si alterna con il premio scientifico per l'Alto Adige.
Promotrice e responsabile dell'iniziativa è la Ripartizione innovazione, ricerca e università.
La giuria era composta da Günther Bonn (direttore dell´istituto di analisi chimica, Università di Innsbruck), Andrea Abel (direttrice dell'istituto di multilinguismo Eurac), Jennifer Berger (direttrice della ricerca Laimburg), Nicola Pugno (professore di nanotecnologie, Università di Trento), Massimiano Bucchi (professore di sociologia dell'innovazione, Università di Trento) e presieduta da Evelyn Kustatscher (paleontologa del Museo di scienze naturali).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone