Home | Rubriche | Alla ricerca del gusto | Un’abbuffata di pesce per la Confraternita Tónco de Pontesèl

Un’abbuffata di pesce per la Confraternita Tónco de Pontesèl

Al Mas dela Fam di Ravina è stata servita ai confratelli una cena cominciata con delicatissime crudité e finita con una spaghettata allo scoglio che non finiva più


 
Il ristorante Mas dela Fam di Ravina ha organizzato un’altra serata a tema per il proprio circolo di buongustai «Confraternita Tonco de Pontesel», il cui Gran Maestro è lo chef Andrea Bassetti. Stavolta la serata era a base di pesce.
E, poiché siamo stati invitati e non siamo riusciti a dire di no, abbiamo deciso di pubblicare un servizio.
Il pesce era stato fornito dalla pescheria Enzo che si trova nella salita del Ponte dei Cavalleggeri a Trento.
Il vino è stato portato dall'azienda trentina Proposta Vini, nella persona di Andrea Deiana, che ha messo in tavola un vino bianco sardo, il Cala Silente (un vermentino di Sardegna del 2016 da 13,5 gradi) e un bianco siciliano, il Murgo Etna Bianco (il catarratto di Carricante, 12,5°). Alla fine, per la spaghettata, è stato portato anche un pinot nero della cantina Casata Monfort a temperatura tenuta leggermente leggermente più bassa.
 

 
L’antipasto era composto rigorosamente da crudité di pesce (foto sopra).
Nel piatto veniva servito uno splendido gamberone, un paio di ostriche, una tartara di tonno, spigola e salmone. Una splendida focaccia al limone ha esaltato la tartara, mentre il gamberone ha fatto un’ottima figura anche se avvicinato alle ostriche.
 

 
A seguire, è stato portata un’impepata di cozze e vongole.
In pratica un secondo antipasto, stavolta caldo, che ha visto i commensali spolverare i mitili fino all’ultima cozza.
Difficile sbagliare un’impepata di cozze. Qui vogliamo sottolineare solo come l’idea di far seguire le crudité francesi con l’impepata italiana è stata vincente. Se le crudité sono un piatto quasi gourmét, i mitili sono da abbuffata. Nell’insieme sono perfette.
 

 
In effetti, però, l’abbuffata vera e propria è venuta dopo, con gli spaghetti allo scoglio.
E questa è stato il vero pasto della serata. Tutti l’attendevano e lo chef non ha fatto mancare il bis a nessuno.
Come si vede dalla foto, il sugo era arricchito da gamberi e molluschi, mentre i mitili nobili sono stati versati a parte in modo da evitare che a qualcuno capitasse anche la spettanza di un altro… he he
Insomma, una cena a base di pesce è cominciata delicatamente alla francese, per finire in una sana mangiata all’italiana. Alla faccia dei cugini d’oltre Alpe.


 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni