Home | Rubriche | Amici a quattro zampe | I nostri amici a quattro zampe – Di Fabrizio Tucciarone

I nostri amici a quattro zampe – Di Fabrizio Tucciarone

Il Pastore Australiano è un cane da lavoro intelligente, dal forte istinto da pastore e da guardiano. È un compagno leale e di grande energia

image

>
Oggi parliamo di una razza canina appartenente al gruppo 1 dei pastori e dei bovari: il Pastore Australiano, una razza che ha cominciato a diffondersi in Europa piuttosto recentemente.
Anche se sull’origine del Pastore Australiano vi sono molte teorie, la razza che noi conosciamo oggi si è sviluppata esclusivamente negli Stati Uniti.
Gli fu dato questo nome per associazione col cane da pastore di origine basca, che arrivò negli Stati Uniti nel XIX secolo e proveniva dall’Australia.
La popolarità del Pastore Australiano aumentò notevolmente dopo la seconda guerra mondiale, con la grande notorietà raggiunta dall’equitazione alla «Western», che la gente venne a conoscere attraverso rodei, concorsi ippici, film e spettacoli televisivi.
Per la sua indole versatile e facile da educare, questo cane venne impiegato nelle fattorie e nei vasti possedimenti americani.
 

 
Il pastore australiano è un cane ben proporzionato, leggermente più lungo che alto, di taglia media, di costituzione solida e muscolosa senza pesantezza.
Gli occhi a mandorla possono essere di colore marrone, blu, ambra e qualsiasi combinazione di questi colori.
Il pelo è di lunghezza media, dritto o leggermente ondulato, resistente alle intemperie mentre il sottopelo varia di quantità a seconda delle stagioni.
Il colore del mantello può essere blu-merle, nero, rosso-merle, rosso, con o senza macchie bianche, con o senza macchie focate.
L’altezza al garrese nel maschio è di 51-58 cm mentre nella femmina è di 46-53 cm.
 

 
Il Pastore Australiano è un cane da lavoro intelligente, dal forte istinto da pastore e da guardiano. È un compagno leale e di energia sufficiente per resistere al lavoro tutto il giorno.
Dotato di un buon temperamento, ha buon carattere e raramente è rissoso.
Può talvolta essere riservato in un primo approccio.
Le patologie più comuni che colpiscono questa razza sono displasia di anca e gomiti, cecità e sordità, soprattutto in caso di incroci tra due cani dal mantello merle, reattività ad alcuni farmaci tra cui l’ivermectina, e oculopatie.
Per qualsiasi informazione, non esitate a contattarci. Siamo qui per questo.

Fabrizio Tucciarone – Veterinario alla Trento Vet
(Puntate precedenti)


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone