Home | Rubriche | Campi da golf | I percorsi dei Golf: Tesino Golf Club La Farfalla

I percorsi dei Golf: Tesino Golf Club La Farfalla

Descrizione percorso con alcuni suggerimenti di Francesco de Mozzi

image

Anche il percorso del Tesino Golf Club è pronto per la gara del Master e ha risentito poco delle grandi piogge cadute. Il tempo, secondo MeteoTrentino, sabato ci saranno poche probabilità di pioggia, ma non farà molto caldo.
Abbiamo pensato bene di descrivere il percorso al dettaglio, dando qualche suggerimento di gioco.
I suggerimenti di gioco che seguono sono fatti per un giocatore di prima categoria di media forza e lunghezza.




Buca 1/10 - Par 4, metri 377 - Hcp 1-2
La Buca Uno è la più difficile del percorso, sia per la sua lunghezza, sia per il green molto ondulato e sopraelevato rispetto al fairway e quindi esposto al vento che dal fairway potrebbe non essere avvertito.
Sul primo colpo dal tee il drive è d'obbligo. Si deve stare attenti sulla destra perché la stradina che segue quasi tutta la buca è fuori limite, mentre a sinistra ci sono gruppi di alberi adolescenti che potrebbero impedire di fare il secondo colpo al green. Se non si sta nel proprio fairway, meglio stare sul fairway della buca Quattro che scende a sinistra.
Nell'effettuare il secondo colpo si deve fare attenzione alla posizione dell'asta perché tra l'inizio e la fine del green c'è un ferro di differenza.
Meglio non stare corti per via del bunker a protezione e del possibile vento contrario in agguato. Preferibilmente tirare a sinistra, perchè la parte destra ha un versante con notevole dislivello

Buca 2/11 - Par 4, metri 300 - Hcp 11/12
Par 4 corto e caratterizzato dalla presenza di 2 biotopi. Il primo biotopo è frontale al tee di partenza ma facilmente superabile dai battitori, il secondo biotopo è a 220 metri dal tee di partenza diritto e sulla sinistra. Inoltre, sulla destra c'è il fuori limite.
La buca non e dritta ma fa un leggero dog-leg a destra con il green sopraelevato con una collina che circonda tutto il retro del green che facilita il rientro delle palline che cadono lunghe (ma non a rotolo).
Consiglio di partire con il legno tre o addirittura ferro 3 in modo da avere un colpo solido dai 100 metri al green.
Fate attenzione al terreno quando è umido (è tra due biotopi), che potrebbe causare quel brutto colpo chiamato flappa.
Il green è difficile, con pendenze da studiare attentamente.

Buca 3/12 - Par 4, metri 262 - Hcp 9/10
Anche se sulla carta sembra molto corta e facilmente raggiungibile col primo colpo, sconsiglio vivamente di provare a tirare direttamente al green, per il semplice fatto che è molto piccolo ed e impossibile fermarvi la palla. In più il biotopo che protegge il green e bello grande: o si va oltre, o si finisce in acqua. Ricordo che nei biotopi del Tesino (segnalati da paletto rosso con punta verde) non si può entrare per tirare la palla: va droppata da fuori, senza eccezioni.
Buca bella ma piena di insidie. Infatti il primo colpo deve essere di piazzamento, tale da portarsi a 100 metri dal green. In base alla potenza del giocatore, può variare dal ferro 8 al ferro 5.
Quegli ultimi 100 metri saranno dal basso verso l'alto, con le difficoltà di rito, per cui corto torni indietro o finisci nel bunker, lungo puoi finire anche molto oltre il green.
Il quale green invece è abbastanza facile.

Buca 4/14 - Par 4, metri 403 - Hcp 7/8
È il par 4 più lungo del percorso, con partenza panoramica che invita al gran colpo.
A 70 dal green c'è un laghetto (non è un biotopo) che può dare fastidio solo sul secondo colpo.
Come per la buca uno, il drive è d'obbligo soprattutto se si vuole usare un ferro al di sotto del 5 per fare il secondo colpo. Dal tee di partenza fare attenzione alla destra del fairway per la presenza di 4 bunker collocati a caduta pallina secondo le varie potenze.
Fare attenzione al fairway a ridosso del green che dopo tanti giorni di pioggia potrebbe avere il terreno morbido e irregolare.

Buca 5/15 - Par 5, metri 460 - Hcp 5/6
Unico par 5 del percorso, non è molto lungo ma con fairway tutto in pendenza sinistra-destra, dog-leg a sinistra, con salita finale a ridosso del green.
Dal tee di partenza fare attenzione a un bunker nuovo, creato quest'anno, posizionato a 230 metri dai battitori sulla destra del fairway.
Il fairway è spazioso e ha una media pendenza da sinistra a destra per quasi tutta la buca. Dopo aver effettuato il drive di partenza si può decidere se accorciare la buca tagliando la curva che a sinistra porta al green, nel qual caso fare molta attenzione a passare il rough, che di solito è molto alto al punto da non far trovare la pallina. Per giocare in modo intelligente, tirare un ferro nella direzione del centro fairway in modo da avere un terzo colpo da 100metri in salita.
Il green è protetto da 2 bunker frontali. Quello sulla sinistra è stato costruito per impedire di prendere il green in 2 colpi, mentre quello a destra serve per creare qualche difficoltà ai giocatori che giocano la buca in tutta tranquillità.
Dietro al green ce una forte discesa che può dare anche molti problemi nel recupero. Il green è grande, irregolare e pendente, al punto da facilitare l'effetto «upsandowns» (saliscendi).

Buca 6/16 - Par 3, con doppi tee: metri 157 il primo giro e 137 il secondo giro. - Hcp 15/16
Primo par tre del percorso con green protetto da bunker frontale ed uno sulla sinistra, più in basso.
Sulla carta sembra facilissimo, ma il minimo errore lo si può pagare col bogey o addirittura doppio bogey .
L'importante è tenere sempre conto che il vento può influire molto sul primo colpo, quindi verificarne la direzione e la forza.
Sulla sinistra del green vi è una forte discesa che porta a un rough pesante.
Sulla destra invece c'è una pendenza che invita il rientro della pallina.
Il green è abbastanza facile.

Buca 7/17 - Par 4, metri 292 - Hcp 17/18
Par 4 corto con out sulla sinistra che segue tutta la buca fino a dietro il green.
Per motivi di sicurezza, prima di partire accertarsi che la luce intermittente sia spenta e, prima di lasciare il tee, accendere la luce intermittente.
La buca è diritta ma per un giocatore di forza regolare il secondo colpo è cieco, perché la discesa comincia solo a 100 metri dal green.
Molti giocatori forti tentano di tirare in green col primo colpo, sfruttando la discesa che porta al green ma i bunker che proteggono in green possono dare problemi. Inoltre, chi vuole tirare al green deve accertarsi che sia libero.
Io consiglio di giocare un ibrido o un ferro 3 per posizionare a palla prima della discesa che conduce al green, per avere così uno stance in piano e poter fare un colpo solido da 100 metri.
Il green è molto grande, è uno dei più veloci del percorso, ha pendenze anche non facilmente leggibili. Per questo consigliamo di prestare attenzione all'approccio più che al putt.

Buca 8/17 - Par 4, con doppi tee: metri 355 il primo giro e 335 il secondo giro. - Hcp3/4
È a buca più tecnica del percorso caratterizzata dalla doppia partenza.
Nel primo giro il tee-shot è sopraelevato e più vicino all'out che, sulla sinistra segue la buca fino a 50 metri dal green; nel secondo giro il tee-shot e più avanzato di prima, non è rialzato e la visuale del fairway è più centrale.
La buca ha una partenza cieca, con un leggerissimo dog-leg sulla sinistra, con una leggera salita seguita da una leggera discesa ai 150 metri dal green.
Il green ha la forma di goccia e rende difficile stoppare la palla in bandiera.
L'unico bunker è a destra del green ed facile finirci dentro, sia perché non lo si vede, sia perché la collinetta davanti al green tende a fare rimbalzare la palla a destra.
Nel primo giro consiglio di posizionarsi a sinistra dei battitori e usare un legno tre per mirare al centro fairway. Cercare di non aprire il colpo per evitare i rough molto fitto e alto che ce sul versante destro.
Nel secondo giro invece si può partire con il drive perché la posizione del tee di partenza è più favorevole e lo permette.
Il secondo colpo e uno dei più difficili da effettuare proprio perché la forma del green e la posizione in discesa rende difficile lo stoppare la palla in bandiera. Quindi io consiglio due soluzioni. Se l'asta è corta al green, fare un colpo che possa cadere prima della parte in discesa, in modo che la palla rotoli all'interno di esso, evitando così il bunker e imboccando la via della buca. Se l asta invece è lontana al green, cercate di far cadere la palla nel centro del green per evitare di andare nel rough dietro.
Il green è abbastanza facile.

Buca 9/18 - Par 3, metri 170 - Hcp 13/14
Par 3 finale, che parte da una collina per arrivare alla clubhouse.
Il green è tondo con una leggera pendenza verso la sinistra, Cinque bunker lo proteggono, dei quali quello sulla parte frontale destra è molto profondo e non visibile dal tee, giustamente messo lì per impedire alle palline di rotolare comodamente in green. Gli altri tre bunker sulla parte frontale di sinistra sono visibili, ma non per questo inevitabili. L'ultimo bunker è posizionato dietro al green ed è facile finirci dentro se l asta è posizionata nella parte a sinistra del green.
Consiglio di mirare nel centro green con un ferro 8 o 7 a seconda del vento che a quell'altezza può influire molto.

Francesco de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone